Home Serie tv Better call Saul – prima stagione

Better call Saul – prima stagione

Non ancora dalle nostra parti, Better call Saul è lo spin-off di Braking Bad (non linko alcunchè, se non sapete di che parlo probabilmente non avete l’elettricità dalle parti vostre) dedicato al grande Saul Goodman, avvocato del diavolo interpretato magistralmente da Bob Odenkirk.

Per chi non conosce Breaking Bad, Saul era un avvocato un po’ balordo, invischiato in traffici di ogni tipo, ma in fondo in fondo dall’animo tutt’altro che nero. In BCS, conosciamo quindi James McGill, un avvocato dal passato burrascoso, ma che tra qualche truffa e la sincera dedizione al lavoro e al massimo risultato per i suoi clienti, è ancora molto lontano dal Goodman scafato protagonista di spot televisivi trash

Scopriamo quindi il suo vero nome, che ha un fratello -avvocato affermato- di cui si prende cura (ha una sedicente allergia ai campi elettromagnetici), oltre un odio per la HHM, potente studio di avvocati dove McGill senior lavorava.

bcs_serie1_jam
Volere bene ai fan

Vediamo al dunque: Merita la visione BCS? Sì, il Saul pre-lato oscuro è divertente, capace e fatto di innumerevoli sfaccettature; la serie è però quantomento particolare, mostrandosi quasi in difficoltà nello stare in piedi da sola, se paragonata a un impianto classico: mentre alcune comparsate sono un occhiolino ai fan di Breaking Bad SPOILER vedi Tuco, sempre tutto pazzo, ma prima di diventare un drogato ingestibile ; altre sono strutturali alla serie, togliendo di netto spazio a Saul SPOILER -sia chiaro, rivedere Mike è sempre un piacere, con un approfondimento del suo passato senza meno interessante-  .

Se siete alla ricerca di qualcosa di alternativo, allora amerete la genesi di Saul; in caso contrario, potreste arrivare un po’ stanchi al finale di stagione

 

Articolo precedenteLa Trilogia del Cornetto
Articolo successivoCenerentola
Dr.Gabe
Direttore e Fondatore

Il lavoro e la vecchiaia incombono, ma da quando ho memoria mi spacco di film di fantascienza, dove viaggio di testa fino a perdermi, e salto in piedi sul divano per dei tizi che si menano o sparano alla gente come fossero birilli. Addolorato dalla piaga del PG­13, non ho più i nervi per gli horror: quelli li lascio al collega, io sono il vostro uomo per scifi, azione e film di pistolotti metacinema/mental/cose di finali tripli.