Home Rubriche InstaCult The Pusher- La Trilogia

The Pusher- La Trilogia

L’intera trilogia di Pusher, diretta dal regista più cult in circolazione, il danese Nicolas Winding Refn.

L’enfant terrible del nuovo cinema europeo ci porta alla scoperta di una Copenhagen oscura che fa da sfondo a storie di droga e malavita. Il tutto utilizzando la camera a mano, rendendo così i fatti narrati ancora più realistici e drammatici, avvalendosi a livello narrativo di colpi di scena improvvisi e una quasi totale assenza di speranza. Tre film cupi e nerissimi ma allo stesso tempo imperdibili per ogni cinefilo che si rispetti.

jam_pusher_trilogy_cultPUSHER – L’inizio (1996): segue una settimana di vita di Frank, spacciatore di medio livello perso tra depravazione, violenza e la turbolenta relazione con Vic, una prostituta.

PUSHER II – Sangue sulle mani (2004): Tonny, aiutante di Frank, appena uscito di prigione, cerca di riconquistare la fiducia di suo padre e fare i conti con la scoperta di essere divenuto padre a sua volta.

PUSHER III (2005); Milo, affetto da un grave problema di tossicodipendenza e impegnato nei preparativi per il venticinquesimo compleanno della figlia, è costretto a sporcarsi personalmente le mani per non soccombere alla nuova criminalità di Copenhagen, che sta cercando di prendere il controllo del traffico di droga in città.

Un mix di ironia e di violenza nell’inferno di una Copenhagen sporca, buia e sconosciuta, ben lontana dalle cartoline che siamo abituati a vedere e che dimostra come in fondo… “C’è del marcio in Danimarca.” -Cit. zio William-

Articolo precedenteDaredevil – stagione 1
Articolo successivoWrestling estremo : “Wrestlemaniac” – (2006)
Zeno
Chief editor e Co-fondatore

Cresciuto a massicce dosi di cinema, fin da giovane età veniva costretto dal padre a maratone e maratone di Spaghetti-Western. Leggenda narra che la prima frase di senso compiuto che uscì dalla sua bocca fu: “Ehi, Biondo, lo sai di chi sei figlio tu? Sei figlio di una grandissima……” Con il passare del tempo si è evoluto a quello che è oggi: un cinefilo onnivoro appassionato di cinema in ogni sua forma che sia d’intrattenimento, d’autore o l’indie più estremo. Conteso da “Empire”, “The Hollywood Reporter”, “Rolling Stone”, ha scelto Jamovie perché, semplicemente, il migliore tra tutti.