Home recensioni comics Logan: The Wolverine

Logan: The Wolverine

Logan

El Paso. 2029. Il mondo è cambiato, ci troviamo di fronte ad un futuro desolato, quasi post apocalittico, qualcosa di terribile è successo e i mutanti non esistono più sono quasi tutti estinti. I pochi sopravvissuti vivono da emarginati. Logan, alcolizzato, stanco e distrutto, in senso metaforico e fisico, da battaglie passate e dall’adamantio, fa l’autista di limousine, Il professor Xavier ha novant’anni e non è più in grado di gestire i suoi devastanti poteri psichici. Entrambi vivono da emarginati in mezzo al deserto.
Un giorno una giovane donna messicana gli presenta una bambina di nome Laura e lo supplica di accompagnarla in un fantomatico eden nel Nord Dakota. Logan inizialmente riluttante, insieme a Charles accetta. Quella bambina nasconde un segreto e potrebbe rappresentare una speranza per la razza mutante. Sarà l’inizio di un brutale viaggio, intriso di vita e morte.

Quasi vent’anni dopo la prima apparizione con gli X-Men e otto film, Logan arriva a completare l’arco narrativo dedicato al Wolverine di Hugh Jackman e il film fa prepotentemente impallidire ogni cinecomics girato fino ad oggi (il Cavaliere Oscuro di Nolan non lo considero). Questo è il Logan che per anni ci hanno tolto e che avremmo sempre voluto vedere, che lascia libero sfogo alla vera natura animalesca del personaggio fatta di urla, ruggiti e grugniti.

Logan

Logan è western profondamente crepuscolare e allo stesso tempo classicista, Logan ha un’anima come mai si era percepito prima d’ora. Un’anima intrisa di rabbia, violenza, morte e dolore.

Se Hugh Jackman è straordinario come non mai nel dare al personaggio quella profondità emotiva che serve è Dafne Keen (la piccola Laura/X-23) a sorprendere davvero se si pensa che questo è il suo esordio in assoluto nel mondo del cinema. Impressionante.

Deadpool ha aperto la strada, Logan l’ha battuta come meglio non poteva fare alzando ancora di più l’asticella. I cinecomics dovrebbero riprendere tutti da qui.

Logan

L’opinione del Dr. Gabe:

“Finalmente Logan”

E con Logan intendo il film, ultima incarnazione di Wolverine/Jackman che ridà dignità a un personaggio altrimenti piú riuscito nei cameo che nei suoi spin-off dedicati.

Logan è potente; è adatto, perché grazie allo sdoganamento della violenza portato da Deadpool c’è finalmente la violenza esplosiva e feroce della bestia repressa che dovremmo dare per scontata in un mutante dalle lame di metallo e fattore rigenerante. Invece, ci si sorprende, piacevolmente, dai primi arti mozzati; arrivando all’esaltazione nelle uccisioni ‘al rallenty‘ (chi ha visto capirà).

Logan è toccante, con due eroi consci di essere al crepuscolo della vita. E non si può che ringraziare per una pellicola nel complesso coraggiosa, a cui si perdonano un paio di ingenuità nella seconda parte, dove si torna su binari sicuri.

Uno dei migliori cinecomics di sempre, senza dubbio il miglior Wolverine.

VOTI FINALI
voto
Articolo precedenteIl doppio come possibilità di redenzione: Another Earth (2011)
Articolo successivoDeadpool 2: il teaser trailer ufficiale!
Zeno
Chief editor e Co-fondatore

Cresciuto a massicce dosi di cinema, fin da giovane età veniva costretto dal padre a maratone e maratone di Spaghetti-Western. Leggenda narra che la prima frase di senso compiuto che uscì dalla sua bocca fu: “Ehi, Biondo, lo sai di chi sei figlio tu? Sei figlio di una grandissima……” Con il passare del tempo si è evoluto a quello che è oggi: un cinefilo onnivoro appassionato di cinema in ogni sua forma che sia d’intrattenimento, d’autore o l’indie più estremo. Conteso da “Empire”, “The Hollywood Reporter”, “Rolling Stone”, ha scelto Jamovie perché, semplicemente, il migliore tra tutti.