Che la forza sia con te #Star Wars#

Home news The Nun 2, parla James Wan: “Chiunque abbia frequentato una scuola cattolica...

The Nun 2, parla James Wan: “Chiunque abbia frequentato una scuola cattolica mi direbbe che le suore sono spaventose”

Nella pellicola, Taissa Farmiga torna nel ruolo di Suor Irene, affiancata da Jonas Bloquet, Storm Reid, Anna Popplewell e Bonnie Aarons in quelli della demoniaca suora.

Grazie alla Warner Bros, che ci ha fornito le seguenti dichiarazioni di James Wan, possiamo scavare un po’ più a fondo in questo atteso sequel del lungometraggio che, nel 2018, ha incassato ben 365 milioni di dollari a fronte di un budget di appena 22.

La terza volta di Michael Chaves nel Conjuring Universe

Penso che Michael sia molto talentuoso, capisce perfettamente cosa serve per realizzare questo tipo di film. Inoltre ha molto rispetto per questo mondo che abbiamo creato. È un grande fan di questo universo e non sta cercando di sconvolgere le acque. Vuole farne parte e mettere il suo marchio su di esso, ed elevare questi film con tutto l’amore e la passione che ha per loro. Penso che Michael abbia fatto un ottimo lavoro con The Nun 2. Sono stato accanto a lui fin dal suo primo film. È cresciuto con ogni film che ha realizzato. Sono come un padre orgoglioso per tutti questi giovani registi [RIDE]. Li vedo fare i primi passi e poi i passi successivi verso l’adolescenza, e poi verso l’età adulta. È con grande orgoglio che “passo”tramando” questi film a questi talentuosi cineasti della prossima generazione.

Da The Conjuring 2 a The Nun: il cammino di Valak nel franchise

Beh, è divertente. Chiunque abbia frequentato una scuola cattolica mi direbbe che le suore sono spaventose, o possono diventarlo. Quindi sento che c’è questo concetto predefinito alla base di tutto. Quello che ho detto è che mi piacerebbe raccontare questa storia dietro le quinte di The Conjuring 2, in cui inizialmente il demone Valak era rappresentato da questo enorme demone cornuto, questi effetti protesici bellissimamente scolpiti che Fractured FX aveva creato. Ed è davvero incredibile e fantastico. Abbiamo girato tutto con Joe Bishara che interpretava di nuovo il demone, lui ha interpretato anche Bathsheba nel primo film di Conjuring. Ma è stato durante la post-produzione, mentre stavo montando il film, mettendolo tutto insieme, che mi sono reso conto che il modo in cui avevo concepito questo demone non andava bene per un film di Conjuring. Sembrava troppo grande. Era diventato troppo fantastico.

Per questo mentre stavo montando il film – dico sempre che in ogni fase della realizzazione di un film emergono o affiorano nuove cose, cose alle quali non avevi veramente pensato. O ti accorgi di qualcos’altro. E per me, in post-produzione, ho capito che dovevo tornare indietro e ripensare l’approccio a Valak.

Quello che avevo elaborato inizialmente non era abbastanza personale. Avevo l’impressione che volessi tornare a ragionare sull’aspetto del personaggio. Ricordo di aver parlato con Lorraine Warren quando era ancora viva, e mi raccontava che molti sue carissime amiche erano suore. E mi è venuto in mente che se un’entità malvagia volesse turbare la sua fede e la sua convinzione, una delle cose che farebbe per corromperla sarebbe quella di assumere l’aspetto iconico di qualcosa che è vicino e caro al suo cuore. Ed è così che è nata l’idea di una suora demoniaca.

Poi sono tornato a pensare di più dal punto di vista del personaggio e della storia. E credo che proprio per questo motivo, il personaggio della suora come antagonista, come cattivo, colpisca in modo molto più personale. E poi, ovviamente, ha colpito il pubblico di The Conjuring 2. Le persone l’hanno amata. Erano terrorizzate da questa entità demoniaca che assumeva l’aspetto di una suora. Ed è sembrato naturale che diventasse uno spin-off tutto suo, praticamente.

L’orrore spaventa di più sul grande schermo

Sono un grande fan dei film horror proiettati sul grande schermo. È un’esperienza così imponente e collettiva. E incoraggio sempre i fan a vedere questi film sullo schermo più grande, con un gruppo di persone al buio… Con un gran numero di persone, perché è un’esperienza così divertente, così contagiosa. Quando qualcuno urla, tutti gli altri urlano, e poi tutti iniziano a ridere di se stessi per aver urlato. È come un divertentissimo giro in montagne russe. Penso che sia per questo che i film horror continuano a essere proiettati nei cinema, perché è veramente un’esperienza di visione che non può essere davvero replicata altrove. Puoi guardarli a casa, puoi comunque seguire la storia, ma l’esperienza è così profondamente diversa.

Il ritorno di Suor Irene in The Nun 2

The Nun II segue Frenchie, interpretato da Jonas Bloquet, che è stato straordinario nel primo film. Nel primo film, lui e Suor Irene hanno lasciato il male alle spalle. Pensavano di aver sconfitto la suora demone, Valak. Ma poi si vede un piccolo indizio relativo al fatto che questo male potrebbe essersi attaccato a Frenchie. All’inizio di The Nun II, sei praticamente con Frenchie, e questo male che pensava di aver sconfitto sta lentamente emergendo dentro di lui. E si rende conto che questo male lo sta davvero sopraffacendo.

È per questo che lei torna, che se lo renda conto o meno, torna per il suo amico, in sostanza. Ed è questo che amo. Amo il fatto che questi due personaggi siano molto legati l’uno all’altro, che abbiano un’amicizia così forte. È un’amicizia platonica, e lei tiene molto a lui, farà tutto il possibile per cercare di combattere di nuovo questo male. E naturalmente, per lei, deve affrontare la cosa più difficile che abbia mai combattuto nella sua vita, ed è una sfida per la sua fede.