Ancora una volta sarà un San Valentino cinematografico ricco di sfumature. Cinquanta Sfumature di Nero, secondo capitolo della trilogia, arriverà nelle sale italiane il 9 febbraio 2017.

Il primo trailer è disponibile anche in italiano.

La sinossi:

Jamie Dornan e Dakota Johnson tornano nei ruoli di Christian Grey e Anastasia Steele in CINQUANTA SFUMATURE DI NERO, il secondo capitolo tratto dalla serie di successo e fenomeno mondiale “Cinquanta sfumature”. Il film che ha incassato 560 millioni in tutto il mondo, seguendo la scia del successo ottenuto nel2015, vi invita a indossare qualcosa di nero per il suo secondo capitolo a San Valentino.

Quando un addolorato Christian Grey cerca di persuadere una cauta Ana Steele a tornare nella sua vita, lei esige un nuovo accordo in cambio di un’altra possibilità. I due iniziano così a ricostruire un rapporto basato sulla fiducia e a trovare un equilibrio, ma alcune figure misteriose provenienti dal passato di Christian accerchiano la coppia, decise ad annientare le loro speranze di un futuro insieme.

La vincitrice premio Oscar® Marcia Gay Harden, Jennifer Ehle, Luke Grimes, Rita Ora, Victor Rasuk, Eloise Mumford e Max Martini tornano nei ruoli interpretati in Cinquanta sfumature di grigio, affiancati per la prima volta dalla vincitrice premioOscar® Kim Basinger, Hugh Dancy, Bella Heathcote and Eric Johnson.

Cinquanta sfumature di nero è diretto da James Foley (Paura, House of Cards – Gli intrighi del potere) e prodotto ancora una volta da Michael De Luca, Dana Brunetti e Marcus Viscidi, a fianco di E L James creatrice della serie bestseller. La sceneggiatura è firmata da Niall Leonard, tratta dal libro di James.

Il poster del film

loc. 50 sfumature di nero

Articolo precedenteViolenza in casa: La casa sperduta nel parco – (1980)
Articolo successivoPrima clip del monster movie “Colossal” di Nacho Vigalondo
Fara
Redattore

- Il cinema per me è come un goal alla Del Piero, qualcosa che ti entra dentro all'improvviso e che ti coinvolge totalmente. È una passione divorante, un amore che non conosce fine, sempre da esplorare. Lo respiro tutto o quasi: dai film commerciali a quelli definiti banalmente autoriali, impegnati, indipendenti. Mi distinguo per una marcata inclinazione al dramma, colpa del Bruce Wayne in me da sempre. Qualche gargamella italiano un tempo disse che di cultura non si mangia, la mia missione è smentire questi sciacalli, nel frattempo mi cibo attraverso il cinema, zucchero dolce e amaro dell'esistenza -