I Magnifici sette film2016

Assieme alla Mostra del Cinema di Venezia è il grande appuntamento del settembre cinematografico a livello internazionale. Stiamo parlando del Toronto Film Festival (8-18 settembre) di cui è stato annunciato il programma.

Sarà I magnifici 7 di Antoine Fuqua il film d’apertura a Toronto. Tra gli altri titoli spiccano La La Land che invece inaugurerà Venezia e l’anteprima mondiale di Snowden.

Ecco il programma completo del Toronto Film Festival:

SERATA D’APERTURA:

I Magnifici Sette di Antoine Fuqua

SERATA DI CHIUSURA:

The Edge of Seventeen di Kelly Fremon Craig

GALAS:

Arrival di Denis Villeneuve
– Deepwater Horizon di Peter Berg
– The Headhunter’s Calling di Mark Williams
– The Journey is the Destination di Bronwen Hughes
– JT + The Tennessee Kids di Jonathan Demme
– LBJ di Rob Reiner
– Lion di Garth Davis
– Loving di Jeff Nichols
– A Monster Calls di J.A. Bayona
– Planetarium di Rebecca Zlotowski
– Queen of Katwe di Mira Nair
– The Rolling Stones Olé Olé Olé! : A Trip Across Latin America di Paul Dugdale
– The Secret Scripture di Jim Sheridan
Snowden di Oliver Stone
– Strange Weather di Katherine Dieckmann
– Their Finest di Lone Scherfig
– A United Kingdom di Amma Asante

SPECIAL PRESENTATIONS:

– The Age of Shadows (Miljeong) di Kim Jee woon
– All I See Is You di Marc Forster
– American Honey di Andrea Arnold
– American Pastoral di Ewan McGregor
– Asura: The City of Madness di Kim Sung-soo
– Barakah Meets Barakah (Barakah yoqabil Barakah) di Mahmoud Sabbagh
– Barry di Vikram Gandhi
– Birth of the Dragon di George Nolf
The Birth of a Nation di Nate Parker
– Bleed for This di Ben Younger
– Blue Jay di Alex Lehmann
– Brimstone di Martin Koolhoven
– Brotherhood di Noel Clarke
– Carrie Pilby di Susan Johnson
– Catfight di Onur Tukel
– City of Tiny Lights di Pete Travis
– The Commune (Kollektivet) di Thomas Vinterberg
– Daguerrotype (Le Secret de la chambre noire) di Kiyoshi Kurosawa
– A Death in the Gunj di Konkona Sensharma
– Denial di Mick Jackson
– Elle di Paul Verhoeven
– Foreign Body (Jassad Gharib, Corps Etranger) di Raja Amari
– Frantz di François Ozon
– The Handmaiden (Agassi) di Park Chan-wook,
– Harmonium (Fuchi ni tatsu) di Kôji Fukada
– I Am Not Madame Bovary di Feng Xiaogang
– The Journey di Nick Hamm
– King of the Dancehall di Nick Cannon,
La La Land di Damien Chazelle
– The Limehouse Golem di Juan Carlos Medina
– Manchester by the Sea di Kenneth Lonergan
– Maudie di Aisling Walsh
Neruda di Pablo Larraín
Nocturnal Animals di Tom Ford
– The Oath di Baltasar Kormákur
– Orphan (Orpheline) di Arnaud des Pallières
– Paris Can Wait di Eleanor Coppola
– Paterson di Jim Jarmusch
– The Salesman di Asghar Farhadi
– Salt and Fire di Werner Herzog
– Sing di Garth Jennings
– Souvenir di Bavo Defurne
– Things to Come (L’Avenir) di Mia Hansen-Løve
– Toni Erdmann di Maren Ade
– Trespass Against Us di Adam Smith
– Una di Benedict Andrews
– Unless di Alan Gilsenan
– The Wasted Times (Luo Man Di Ke Xiao Wang Shi) di Cheng Er

Articolo precedenteUna Mamma per amica: c’è la data di debutto della mini-serie evento con tanto di trailer
Articolo successivoFai attenzione Deese: “The night Flier” (1997)
Fara
Redattore

- Il cinema per me è come un goal alla Del Piero, qualcosa che ti entra dentro all'improvviso e che ti coinvolge totalmente. È una passione divorante, un amore che non conosce fine, sempre da esplorare. Lo respiro tutto o quasi: dai film commerciali a quelli definiti banalmente autoriali, impegnati, indipendenti. Mi distinguo per una marcata inclinazione al dramma, colpa del Bruce Wayne in me da sempre. Qualche gargamella italiano un tempo disse che di cultura non si mangia, la mia missione è smentire questi sciacalli, nel frattempo mi cibo attraverso il cinema, zucchero dolce e amaro dell'esistenza -