La La Land

Sarà La La Land ad aprire la 73ma Mostra del Cinema di Venezia in programma dal 31 agosto al 10 settembre.

Un super cast per il moderno musical diretto da Damien Chazelle.

Questo il comunicato completo diffuso dall’organizzazione del festival:

La La Land, scritto e diretto da Damien Chazelle (Whiplash) e interpretato da Emma Stone, Ryan Gosling, John Legend e J. K. Simmons (premio Oscar come migliore attore non protagonista per Whiplash), è il film d’apertura, in Concorso, della 73. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (31 agosto – 10 settembre 2016), diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale presieduta da Paolo Baratta.
“La La Land è un sorprendente omaggio alla stagione d’oro del Musical americano – ha dichiarato il direttore Alberto Barbera – da Un americano a Parigi di Vincent Minnelli a New York, New York di Martin Scorsese e, nello stesso tempo, la compiuta rifondazione del genere attraverso la reinvenzione dei suoi canoni. Se Whiplash fu la rivelazione di un nuovo autore, La La Land è la sua definitiva, ancorché precoce, consacrazione tra i grandi registi del nuovo firmamento hollywoodiano.”
Damien Chazelle ha dichiarato ”A nome di tutto il cast e della troupe di La La Land, mi sento allo stesso tempo emozionato e onorato per questo invito da parte della Mostra. È con un profondo senso di umiltà che entriamo a far parte del gruppo di film che hanno aperto in passato questo Festival, e non vediamo l’ora di condividere il nostro lavoro col pubblico di Venezia”.
La La Land sarà proiettato in prima mondiale il 31 agosto nella Sala Grande del Palazzo del Cinema al Lido di Venezia. Il film è una moderna versione della classica storia d’amore ambientata a Hollywood, resa più intensa da numeri spettacolari di canto e danza. È la storia di due sognatori che tentano di arrivare a fine mese, inseguendo le loro passioni in una città celebre per distruggere le speranze e infrangere i cuori. Mia (Emma Stone), aspirante attrice, serve cappuccini alle star del cinema fra un’audizione e l’altra. Sebastian (Ryan Gosling), appassionato musicista jazz, tira a campare suonando in squallidi pianobar. Ma come il successo cresce per entrambi, si trovano di fronte a decisioni che incrinano il fragile edificio della loro relazione amorosa. E proprio i sogni così duramente inseguiti e protetti, rischiano ora di diventare la principale causa della distanza che si crea fra l’uno e l’altra.
La La Land è prodotto da Lionsgate in partnership con Black Label Media, Gilbert Films, Impostor Pictures, Marc Platt Productions. È interpretato da Emma Stone, Ryan Gosling, J. K. Simmons, Finn Wittrock, Sandra Rosko, John Legend. La La Land sarà distribuito negli Usa da Lionsgate dal 16 dicembre 2016, e in Italia da 01 Distribution in collaborazione con Leone Film Group.
• Il regista Damien Chazelle (1985, Providence, Usa) ha recentemente scritto e diretto Whiplash, film vincitore agli Oscar®. Distribuito nel 2014 da Sony Pictures Classics, Whiplash ha ricevuto cinque nomination agli Academy Award, incluse quelle per il miglior film e per la miglior sceneggiatura non originale a Damien Chazelle, e si è aggiudicato tre statuette, inclusa quella per il miglior attore non protagonista a J.K. Simmons. Il cortometraggio che Chazelle ha realizzato nel 2013, basato proprio sulla sceneggiatura di Whiplash, ha vinto il Short Film Jury Prize al Sundance Film Festival. Sempre al Sundance, l’anno successivo Whiplash si è aggiudicato sia il Premio della Giuria che l’Audience Award.
Damien Chazelle ha realizzato il suo primo lungometraggio Guy and Madeline on a Park Bench quando era studente universitario alla Harvard University. Il film è stato inserito nella lista dei migliori film dell’anno secondo LA Weekly, The New York Times, The Village Voice, The Chicago Tribune, The Boston Globe, Time Out New York, Film Comment e The Boston Phoenix.
Articolo precedenteThe Nun – Spinoff in atto!
Articolo successivoLa Passione di Cristo
Fara
Redattore

- Il cinema per me è come un goal alla Del Piero, qualcosa che ti entra dentro all'improvviso e che ti coinvolge totalmente. È una passione divorante, un amore che non conosce fine, sempre da esplorare. Lo respiro tutto o quasi: dai film commerciali a quelli definiti banalmente autoriali, impegnati, indipendenti. Mi distinguo per una marcata inclinazione al dramma, colpa del Bruce Wayne in me da sempre. Qualche gargamella italiano un tempo disse che di cultura non si mangia, la mia missione è smentire questi sciacalli, nel frattempo mi cibo attraverso il cinema, zucchero dolce e amaro dell'esistenza -