“Noodles, cos’hai fatto in tutti questi anni?” “Sono andato a letto presto” #C’era una volta in America#

thriller

Home recensioni thriller

Wrath of Man – La Recensione

Patrick Hill (Jason Statham) è un autista inglese appena stato assunto dalla Fortico, una società di sicurezza a L.A che trasporta milioni di dollari...

Halloween, bentornato (?) Michael Myers – La recensione

Laurie Strode si confronta finalmente con Michael Myers, il serial killer che l'ha traumatizzata da quando è sopravvissuta alla sua furia omicida nella notte...

L’angelo del male – Brightburn – La Recensione

In una tranquilla cittadina rurale del Midwest americano, atterra inaspettatamente una sorta di navicella spaziale. Al suo interno un tenero pargoletto. Una giovane coppia...

Assassinio sull’Orient Express – La recensione

Quando viene commesso un omicidio nel treno su cui sta viaggiando, il celebre detective Hercule Poirot viene chiamato a risolvere il caso. Il Re del...

Cattive acque (Dark Waters) – La Recensione

“Non mi tirerò indietro e impedirò a questo mondo di trascinarmi giù, so cosa è giusto e ho solo una vita.”. Così canta Johnny Cash...

Le ragazze di Wall Street, un ottimo film per un titolo...

Un gruppo di ex spogliarelliste si uniscono per prosciugare il conto ai loro clienti, per lo più brocker di Wall Street. Esce nelle nostre sale, dopo...

The Father – Nulla è come sembra – La Recensione

E' un film drammatico The Father ma viene presentato e concepito come un thriller, grazie ad uno stiloso gioco di specchi, che fa riflettere...

Victoria – La recensione

Un unico piano sequenza per una piccola perla, passata troppo sottotraccia, del cinema tedesco. Victoria, del regista Sebastian Schipper, ha per protagonista la bravissima...

Midsommar – La Recensione

Tenetelo a mente questo regista. Se non conoscete ancora il cineasta americano Ari Aster cominciate a conoscerlo meglio. Si perchè dopo degli apprezzatissimi cortometraggi e la...

Capone (2020): Cupo biopic con uno straordinario Tom Hardy

La vita di Alphonse Gabriel Capone si divide in due parti. La prima ci parla di “Al”, un mafioso senza scrupoli, simbolo del gangsterismo italo...