Home Rubriche Web series: “Neko” di Andrea Umberto Origlia!

Web series: “Neko” di Andrea Umberto Origlia!

Due giovani scrittori in erba si recano a Purea, un paesino calabrese, per partecipare ad uno stage di sceneggiatura. La sede dello stage è una piccola casa piena di bizzarri ed inquietanti personaggi…

“Neko” è una web serie amatoriale del 2017 (ma cominciata nel lontano 2014) di 4 episodi, girata in provincia di Reggio Calabria da Andrea Umberto Origlia. Jamovie ha visto per voi il primo episodio! Potete trovare l’intera serie nel canale youtube dedicato: https://www.youtube.com/channel/UCb5duZ84_3AeGd2BYZfF8Hw/featured. L’episodio pilota di “Neko” fa capire, fin dall’inizio, il genere al quale appartiene: la commedia. Certo, poi con la commedia si intersecano altri generi: l’action, l’avventura, il mystery e il thriller. Ma l’obiettivo principale di Origlia è solamente uno, e sacrosanto: far ridere lo spettatore.

Un’impresa alquanto difficile quando si parla di produzioni amatoriali, con attori e sceneggiatori non professionisti. L’idea di base è abbastanza originale: due giovani e imbranati sceneggiatori in erba che vanno a fare un misterioso stage di sceneggiatura in una strana casa di un paesino calabrese. Già nei pressi della casa incontrano un bizzarro personaggio, che farà da preludio a ben altri casi umani, di caratura weird molto più elevata. Purtroppo “Neko” non funziona a livello comico. I suoi personaggi non fanno ridere. Nè i vari bizzarri personaggi come il “maggiordomo” barbuto e il “samurai” pazzo, nè i due protagonisti.

I dialoghi sono abbastanza sciatti, e gli attori in scena non hanno uno spessore comico che li possa rendere un minimo esilaranti. E ciò dispiace, perchè l’obiettivo, almeno dell’episodio pilota, era quello di far ridere. La regia di Origlia invece non è malaccio, e la fotografia nemmeno: manca all’appello però la sceneggiatura. Le mancanze in parte sono giustificate dalla situazione di “no budget”. Inoltre la web serie ha avuto una lunghissima e laboriosa gestazione perchè la troupe poteva lavorare solo nei weekend. Nonostante i difetti, diamo comunque fiducia a “Neko” vedendo tutte le puntate, e non solo la prima, perchè si tratta di un prodotto dignitoso e totalmente indipendente.

Articolo precedenteThe Office – La comicità dell’imbarazzo
Articolo successivoMazinger Z – Duello Mortale: il corto made in Italy di Daniele Spadoni
Max Payne
Redattore

Cinefilo incallito fin dalla tenera eta', collezionista di film e organizzatore di eventi di cinema e musica. ha organizzato 4 edizioni della "splatter holocaust night", festival di musica metal e corti horror; decine di concerti rock, punk e metal. Appassionato soprattutto di horror estremo, ma anche di film d'autore europei e della buona fantascienza; ha un debole per gli spaghetti western.