The Young Pope

Come è diverso il papa messo in scena da Paolo Sorrentino rispetto a quello reale. Se Francesco è l’immagine della sobrietà e della trasparenza in The Young Pope, Pio XIII (Lenny Belardo), il primo papa americano interpretato da Jude Law è un enigma, una persona ambigua e fascinosa.

Anche la sua elezione sembra avvolta nel mistero, come ingarbugliate sono le relazioni nel Vaticano, uno stato piccolo ma profondo, apparentemene isolato e potente, una metafora della modalità sui cui si basa l’odierna società. Desidera l’invisibiltà Lenny Belardo nella sua ricerca di Dio, è scostante e dopo la sua elezione ritarda il discorso ufficiale dinanzi ai fedeli. Le altre figure al vertice della Chiesa, come il cardinal Voiello con il volto di Silvio Orlando, sembrano convinte di poterlo gestire, ma Pio ama spiazzare, è volubile, non lo è invece la luce e la quiete che pervadono la scenografia del regno papale: lo stile di Sorrentino con la sua fotografia immersiva e l’inconfondibile chiarezza visiva sono probabilmente gli elementi più puri di un habitat che affiora con poca beautidine.

Il giovane papa americano non cerca la complicità, sa che l’ambizione e l’inaffidabilità di questo mondo sono nemici da trattare con attenzione, del resto il tradimento serpeggia da sempre nella chiesa come nella quotidianità: emblematica la cover di Higuain con la maglia del Napoli sul cellulare del cardinal Voiello come ha ricordato, dopo una domanda in merito, Sorrentino in conferenza stampa.

Per attirare un pubblico vasto, almeno in Italia, The Young Pope, che soddisfa anche dal punto di vista dei dialoghi, probabilmente dovrà avere un approccio più aggressivo che sappia, nei suoi dieci episodi, incuriosire oltre la forma  e faciliti la visione dello spettatore. Non ci resta che attendere!

– Prodotta da HBO, Sky e CANAL +, la serie è la storia di Lenny Belardo, Pio XIII, il primo Papa americano. La sua elezione sembrò il risultato di una strategia mediatica del collegio cardinalizio, visto il suo aspetto giovane e affascinante.
Jude Law è Pio XIII ci sarà Diane Keaton (Suor Mary), Scott Shepherd (Cardinal Dussolier), Silvio Orlando (Cardinal Voiello), Javier Cámara (Cardinal Gutierrez), Ludivine Sagnier (Esther), Tony Bertorelli (Cardinal Caltanissetta), Cécile de France (Sofia) e James Cromwell (Cardinal Michael Spencer).
“The Young Pope” andrà in onda ad Ottobre su Sky in cinque Paesi (Italia, Germania, Regno Unito, Irlanda e Austria) –

Articolo precedenteVenezia 73: Brimstone – la recensione
Articolo successivoVenezia 73: Through the wall – Recensione
Fara
Redattore

- Il cinema per me è come un goal alla Del Piero, qualcosa che ti entra dentro all'improvviso e che ti coinvolge totalmente. È una passione divorante, un amore che non conosce fine, sempre da esplorare. Lo respiro tutto o quasi: dai film commerciali a quelli definiti banalmente autoriali, impegnati, indipendenti. Mi distinguo per una marcata inclinazione al dramma, colpa del Bruce Wayne in me da sempre. Qualche gargamella italiano un tempo disse che di cultura non si mangia, la mia missione è smentire questi sciacalli, nel frattempo mi cibo attraverso il cinema, zucchero dolce e amaro dell'esistenza -