Home FESTIVAL Venezia 73 Venezia 73: omaggio a Cimino – Year of the Dragon

Venezia 73: omaggio a Cimino – Year of the Dragon

Year

Durante questa edizione del cinema di Venezia, un doveroso omaggio al recentemente scomparso Cimino, regista caduto in disgrazia ben prima della sua morte.

E’ storia il biblico flop del suo I cancelli del cielo, disprezzato da critica, pubblico e costato il fallimento alla casa produttrice e una piena carriera a Cimino, le cui opere successive si contano sulle dita di una mano.

Una di queste è Year of the Dragon, riproposto a Venezia e avente protagonista Michey Rourke al pieno della sua bellezza e fama (prima di passare alla sua fase ‘alternativa’, fatta di Orchidea Selvaggia, droghe, pugilato e un tardivo ritorno al cinema).

ciminoStanley White è razzista, arrogante, disilluso, un uomo sulla quarantina con un tormentato passato nel Vietnam e un matrimonio alla deriva nel presente; ma è anche un agente forte, incorruttibile, privo di compromessi; forse l’unico a poter venir a capo del marcio in Chinatown.

Hai commesso un errore: non sono Italiano, sono Polacco, e non posso essere comprato

Come avrete letto, Stanley è il paradigma del poliziotto hard-boiled, fatto di modi rudi e di sostanza. Lo stesso non si può dire della pellicola, che, pur presentando scatti di violenza spinta e frenetica, è permeata da un senso di melodramma -non inaspettato, con Cimino- che si rispecchia nella figura tragica di Stanley, dannato per la sua missione, e nei comprimari che inevitabilemente si bruciano standogli vicino.

Allo stesso modo, tutt’altro che rude la forma: vi è una cura per le scene e i colori che rendono Year of the Dragon uno spettacolo per gli occhi, non sfigurando minimamente in alta definizione dopo 31 anni suonati.

Impossibile non consigliarne la visione; potreste approfittare di una nuova, esclusiva versione che è senz’altro destinata ad aumentare di valore nel tempo (amazon.fr)

 

Articolo precedenteVenezia 73: American Anarchist – la recensione
Articolo successivoVenezia 73: Questi Giorni – la recensione
Dr.Gabe
Direttore e Fondatore

Il lavoro e la vecchiaia incombono, ma da quando ho memoria mi spacco di film di fantascienza, dove viaggio di testa fino a perdermi, e salto in piedi sul divano per dei tizi che si menano o sparano alla gente come fossero birilli. Addolorato dalla piaga del PG­13, non ho più i nervi per gli horror: quelli li lascio al collega, io sono il vostro uomo per scifi, azione e film di pistolotti metacinema/mental/cose di finali tripli.