Home recensioni drammatico Un film di attori: Southpaw

Un film di attori: Southpaw

Jam- Southpaw- Gyllenhaal-rece

Lacrime, sudore e sangue: gli ingredienti di un film di boxe che si rispetti. La nobile arte è fatta di sacrifici e dedizione, e Billy Hope ne è un esempio, campione imbattuto nella fase avanzata della sua carriera.

Billy è un personaggio classico, in una storia che altrettanto sa di già visto: venuto dalla strada, come sua moglie, si è costruito un futuro e ha avuto tutto, e tutto perde. Ne seguirà un percorso di redenzione, grazie a un coach/mentore che gli imparerà a domare la rabbia, che lo ha sempre accompagnato dentro e fuori il ring, portandolo alla disfatta.

Non possiamo certo parlare di sceneggiatura originale o di guizzi di regia; saranno diversi i titoli che vi torneranno alla mente, sebbene l’evoluzione del boxer in Southpaw sia quasi in direzione contraria al classico Rocky di turno: Billy ci viene mostrato all’inizio come punching-ball umano, incapace di difendersi, per poi intraprendere un percorso che ci porterà ad assistere a un’evoluzione decisamente più realistica della sua tecnica.

Jam-southpaw-001
Sudore – check

Il potere di Southpaw è nel cast; Gyllenhaal offre un’interpretazione entusiasmante, con un lavoro sul proprio fisico impressionante: chi lo ricorda in Nightcrawler sa di cosa parlo; non solo l’incremento di massa, ma le movenze, la postura, la sua recitazione è da tempo fortemente imperniata sul fisico (come il suo poliziotto con tic e postura da galeotto di Prisoners..)

Davvero in parte anche Whitaker, la piccola Oola Laurence, molto intensa per la sua età; persino 50 Cent non stona con la sua parte.

In conclusione, una storia certamente non indimenticabile, ma delle performance davvero di livello.

VOTI FINALI
voto
Articolo precedenteBatmetal returns
Articolo successivoOperazione U.N.C.L.E.
Dr.Gabe
Direttore e Fondatore

Il lavoro e la vecchiaia incombono, ma da quando ho memoria mi spacco di film di fantascienza, dove viaggio di testa fino a perdermi, e salto in piedi sul divano per dei tizi che si menano o sparano alla gente come fossero birilli. Addolorato dalla piaga del PG­13, non ho più i nervi per gli horror: quelli li lascio al collega, io sono il vostro uomo per scifi, azione e film di pistolotti metacinema/mental/cose di finali tripli.