Home recensioni biografico L’ultima parola – La vera storia di Dalton Trumbo

L’ultima parola – La vera storia di Dalton Trumbo

trumbo

Trumbo narra la storia dell’omonimo scrittore americano Dalton, comunista in un periodo storico in cui questa parola negli U.S.A. significava traditore: sono gli anni ’50, il post Seconda Guerra Mondiale e la florida carriera, la stessa vita di Trumbo sono sconvolte dall’ House Committee on Un-American Activities: la galera prima, l’oblio professionale poi, per lui e un pugno di colleghi impossibilitati a lavorare, in quanto comunisti.

E’ forse un pagina intima della storia americana, e per questo può perdere di potenza negli schermi nostrani…eppure, proprio perchè è una pagina poco nota ai più merita la vostra attenzione; vi colperà la visione decisamente alternativa di John Wayne, da sempre visto come un eroe americano, così come l’impeto del giovane Kirk Douglas.

La famiglia Trumbo ha una parte importante nel film, così come il modo in cui Dalton si rapporta con loro; gli scontri con la figlia ormai adolescente dal suo ritorno di prigione che lo mettono davanti a uno specchio; il lavoro che lo logora dentro e lo distoglie dagli affetti.

trumbo
”cagna maledetta”

Il cast è di tutto rispetto, ma al di là di Brian Cranston, che si avvicina notevolmente con la mimica e i costumi al vero Trumbo, non si può non mettere davanti a tutti John Goodman, che semplicemente si divora ogni scena in cui è presente nella parte del produttore di B-movies Frank King, il primo a far lavorare sotto pseudonimo il nostro protagonista.

Va detto che Trumbo soffre di qualche dilungaggine, ma la storia di quest’uomo, che per diversi anni ha dovuto rinunciare al proprio nome per continuare a lavorare, costretto a vedere il proprio Oscar ritirato da altri, è una lezione di libertà e merita la visione.

VOTI FINALI
voto
Articolo precedenteMolte conferme, poche sorprese : “BAFTA 2016”
Articolo successivoPrivacy violata: “Perfetti sconosciuti” – di Paolo Genovese (2016)
Dr.Gabe
Direttore e Fondatore

Il lavoro e la vecchiaia incombono, ma da quando ho memoria mi spacco di film di fantascienza, dove viaggio di testa fino a perdermi, e salto in piedi sul divano per dei tizi che si menano o sparano alla gente come fossero birilli. Addolorato dalla piaga del PG­13, non ho più i nervi per gli horror: quelli li lascio al collega, io sono il vostro uomo per scifi, azione e film di pistolotti metacinema/mental/cose di finali tripli.