Home news The Walking Dead: Seth Gilliam ha ricevuto delle minacce di morte a...

The Walking Dead: Seth Gilliam ha ricevuto delle minacce di morte a causa della storia di Padre Gabriel

Seth Gilliam interpreta nella serie The Walking Dead il ruolo di Padre Gabriel e ha ora rivelato che ha ricevuto delle minacce di morte a causa della storia raccontata negli episodi.

L’attore è entrato a far parte del mondo ispirato ai fumetti di Robert Kirkman durante la quinta stagione, ma non tutti i fan sembrano aver apprezzato il personaggio.
Padre Gabriel è stato indicato in più occasioni come uno dei personaggi peggiori dello show.
Gilliam, intervistato da Digital Spy, ha ora dichiarato che non tutti gli spettatori sembrano in grado di capire che sta recitando un ruolo.

La situazione è simile a quanto accaduto a Josh McDermitt che, a causa delle critiche rivolte al personaggio di Eugene, ha deciso di abbandonare i social media.

L’attore ha dichiarato:

Quello che per me è surreale è che alle volte le persone non riescono a distinguere i confini tra finzione e realtà e pensano che io fossi Padre Gabriel e non Seth Gilliam.
È stato surreale quando hanno messo in discussione le scelte che il personaggio ha compiuto nella serie e hanno iniziato a mandarmi minacce di morte e cose simili.

La storia di Padre Gabriel proposta sugli schermi è molto diversa da quella dei fumetti: tra le pagine viene infatti ucciso da Beta durante la guerra ai Sussurratori.
Nello show inizialmente il religioso si comporta da codardo e tradisce più volte la fiducia di Rick e del suo gruppo, comportamenti che hanno causato ondate di critiche.

Articolo precedenteYes Day – Siete pronti a diventare anche voi una “Yes Family”?! – La Recensione
Articolo successivoOscar 2021: Tutte le candidature
Il Biondo
Capo Redattore e Co-fondatore

Grande amante del cinema, e questo è scontato dirlo se sono qua :­) Appassionato da sempre del genere horror, di nicchia e non, e di film di vario genere con poca distribuzione, che molto spesso al contrario dei grandi blockbuster meriterebbero molto più spazio e considerazione; tutto ciò che proviene dalle multisale, nelle mie recensioni scordatevelo pure. Ma se amate quelle pellicole, italiane e non, che ogni anno riempono i festival di Berlino, Cannes, Venezia, Toronto, e dei festival minori, allora siete capitati nel posto giusto.

‘Rest..In..Peace’