Home news The Punisher 2, Jon Bernthal: Sul set mi sono fatto molto male,...

The Punisher 2, Jon Bernthal: Sul set mi sono fatto molto male, ma ho sempre continuato a girare

Jon Bernthal non ha avuto vita facile sul set di The Punisher 2.

Questo perché Bernthal ha sempre preso parte alle scene stunt, ed è capitato che arrivasse a infortunarsi seriamente.
Presente al Fandemic Tour Houston, l’attore ha raccontato che, mentre girava The Punisher 2,  ha continuato a combattere nonostante avesse una mano rotta, i legamenti strappati e un pollice slogato.
Queste le sue parole:

In Punisher, sicuramente, alcune volte sono stato incosciente.
Mi sono rotto la mano, mi sono strappato alcuni legamenti, mi sono slogato il pollice.
Sì, ci sono stati molti infortuni, ma ne è valsa la pena.
Se avete visto la seconda stagione, sappiate che l’ho girata interamente con la mano rotta.
Il primo combattimento che abbiamo girato, in un bar, è durato tre giorni [di riprese] e il primo giorno mi sono rotto la mano.
Il secondo giorno, mi sono strappato un sacco di legamenti.
Il terzo giorno, mi sono dislocato il pollice, quindi hanno dovuto fare un intervento chirurgico di emergenza.
Ma dovevamo tornare al lavoro il giorno successivo.
Così mi hanno avvolto la mano e ho continuato a sparare.

La sinossi della serie:

Dopo aver gustato la vendetta sui responsabili della morte di sua moglie e dei suoi figli, Frank Castle (Jon Bernthal) scopre una cospirazione molto più profonda del mondo del crimine di New York.
Ormai conosciuto in tutta la città come The Punisher, dovrà scoprire la verità sulle ingiustizie che colpiscono molte persone.

Articolo precedenteThe Forest Of Love – Recensione
Articolo successivoRoma 14 – Fête de famille: poco parenti, molto serpenti
Il Biondo
Capo Redattore e Co-fondatore

Grande amante del cinema, e questo è scontato dirlo se sono qua :­) Appassionato da sempre del genere horror, di nicchia e non, e di film di vario genere con poca distribuzione, che molto spesso al contrario dei grandi blockbuster meriterebbero molto più spazio e considerazione; tutto ciò che proviene dalle multisale, nelle mie recensioni scordatevelo pure. Ma se amate quelle pellicole, italiane e non, che ogni anno riempono i festival di Berlino, Cannes, Venezia, Toronto, e dei festival minori, allora siete capitati nel posto giusto.

‘Rest..In..Peace’