Home recensioni drammatico The Escape, meraviglioso saggio sulla depressione – La recensione

The Escape, meraviglioso saggio sulla depressione – La recensione

Tara è una casalinga, moglie e madre di due figli. All’apparenza sembra una vita perfetta invece la donna si sente soffocare, è infelice, depressa. Decide di scappare, di andare a Parigi e trovare la sua voce e la felicità.

Arriva nelle nostre sale grazie a Fil Rouge Media “The Escape”, un meraviglioso dramma d’autore indipendente che ha incantato la critica mondiale sin dalla prima proiezione all’ultimo Festival del cinema di Toronto.

Ci troviamo di fronte a uno dei drammi più intensi dell’anno, molto realistico e costruito in maniera eccellente.
Gemma Arterton è Tara

E’ un film completamente improvvisato ed è già un motivo per cui vale la pena vederlo. La recitazione degli attori è molto sentita, intensa e lo spettatore si sente parte della vicenda trovandosi completamente inerme in una situazione molto vicina a tutti.

Raramente si è affrontato in modo così vero, accorato e rispettoso il tema della depressione dove ti trovi solo e nessuno può veramente aiutarti perché spetta solo a te l’azione di ribellione interiore. Ci sentiamo stretti, irrealizzati, insoddisfatti. Sicuramente coraggioso il fatto di aver voluto mostrare una madre che fugge dal marito e dai figli invece dalla più politicamente corretta donna single senza famiglia.

Spesso ci viene mostrata l’infelicità che è causata prevalentemente dalla mancanza di un partner o di figli. Non è sempre e solo così: la depressione può arrivare comunque anche se all’apparenza sembra che abbiamo tutto.

“The Escape” è facilmente divisibile in due parti. La prima, ambientata nella provincia, è volutamente ripetitiva mostrandoci la routine di Tara e fa sperare anche a noi in un cambiamento, una fuga verso la novità. Vengono utilizzati dei campi molto stretti ed è volutamente tutto claustrofobico. Finalmente arriva aria nella seconda parte, quando la protagonista scappa e finalmente vediamo luce, paesaggi, campi larghi.

Gemma Arterton e Dominic Cooper
Vale la pena ripeterlo: eccellente la costruzione di “The Escape”!

Bellissima la regia di Dominic Savage così attenta, delicata, raffinata, sensibile, attenta, commovente, spesso giocata su sguardi e silenzi, completamente a servizio di un cast sublime.

Gemma Arterton, che debutta in questo film anche come produttrice, vive in profondità il personaggio con grande intensità, si carica questo one woman show tutto sulle sue spalle ed è degna di ogni premio sulla faccia della terra confermandosi una delle migliori attrici inglesi in circolazione.

Degna di riconoscimenti anche l’ottima performance da non protagonista di Dominic Cooper. Impeccabili i comprimari come Jalil Lespert, Marthe Keller, Frances Barber.

Sublime la fotografia di Laurie Rose (High-Rise al cinema, Peaky Blinders in tv) e bellissima la colonna sonora a cura di Alexandra Harwood e Anthony John.

Gemma Arterton e Jalil Lespert

“The Escape” è un meraviglioso, straziante, commovente saggio d’autore sulla depressione in cui ogni sua componente si unisce saldamente all’altra senza sfilacciarsi. Un dramma solido, essenziale, imperdibile.

Dal 21 Giugno nelle nostre sale con Fil Rouge Media

VOTI FINALI
voto
Articolo precedenteL’altro volto della speranza – Recensione
Articolo successivoJAMovie incontra : Alexia Chardard
GianDrewe
Redattore e Co-fondatore

Attore, cantante lirico, insegnante e... cinefilo! Amo il cinema in ogni suo genere con un'adorazione particolare per il cinema europeo specialmente britannico, visto che sono un sostenitore della scuola inglese. Molto spesso dalla parte opposta dei blockbuster e sulla strada degli indie e del cinema d’autore non solo di oggi... Pochi effetti speciali e molte emozioni!