Home Rubriche Outsider THE CROW: SHREDS OF MEMORIES di Pietro Cinieri

THE CROW: SHREDS OF MEMORIES di Pietro Cinieri

Una coppietta con l’auto in panne viene aggredita da una banda di criminali. Lei viene uccisa, lui viene ferito da un colpo di pistola, ma miracolosamente sopravvive. Da quel giorno il ragazzo vivrà per vendicarsi di chi ha ucciso la donna amata…

THE CROW: SHREDS OF MEMORIES è un fan movie no profit che omaggia sia la famosa graphic novel di James O’Barr, sia il celeberrimo film di Alex Proyas con Brandon Lee del 1994. Il budget è quello che è, suppongo prossimo allo zero, ma il regista pugliese Pietro Cinieri riesce comunque a ricavarne un prodotto dignitoso. Il suo SHREDS OF MEMORIES, pubblicato su youtube, ha accumulato più di 100 mila visualizzazioni. Non male. Eppure il film, per ¾ della sua durata non entusiasma, nonostante l’ottima interpretazione del “Brandon Lee de noartri”, cioè l’attore Daniele Cervellera.

572474403_1280x720

Il ritmo infatti è troppo lento, la fotografia è davvero bruttina, alcuni dialoghi sono mal scritti. Non funzionano nemmeno tanto le scenografie e le locations, troppo “povere” per rappresentare un omaggio al fumetto e alla pellicola di Proyas. SHREDS OF MEMORIES si riprende (un po’ come il nostro protagonista, anti-eroe vendicativo) nel finale, negli ultimi 20 minuti. Un finale girato e montato molto meglio di quanto visto in precedenza. La fotografia “in notturna” fa la sua figura. E finalmente arriva un bel po’ di sana e credibile violenza! Ottime le sequenze dell’inseguimento in moto.

1601137_361596630647426_2033473crowhreds-of-memories

Il film inoltre è impreziosito dalla presenza nel cast di Vito Napolitano (nella parte del poliziotto), noto attore di fiction Rai e Mediaset. Tutto sommato un fan movie vedibile quello di Cinieri, soprattutto vedibile da parte di chi ama la leggenda del “corvo”. Meno consigliato invece a chi non la apprezza per niente. Peccato però per la poca compattezza narrativa e per la poca cura dei dettagli in alcuni comparti: senza questi difetti sarebbe stato un vero gioiellino indie. Non spegnete la tv subito dopo la fine: i titoli di coda vi riserveranno delle simpatiche sorprese!

Voto: 6+.

Articolo precedenteALIENS NIGHT di Andrea Ricca
Articolo successivoIl GGG – Il Grande Gigante Gentile
Max Payne
Redattore

Cinefilo incallito fin dalla tenera eta', collezionista di film e organizzatore di eventi di cinema e musica. ha organizzato 4 edizioni della "splatter holocaust night", festival di musica metal e corti horror; decine di concerti rock, punk e metal. Appassionato soprattutto di horror estremo, ma anche di film d'autore europei e della buona fantascienza; ha un debole per gli spaghetti western.