Home recensioni comics Tamara Drewe – Tradimenti all’inglese

Tamara Drewe – Tradimenti all’inglese

Tamara Drewe, giornalista londinese, torna nella sua città natale dopo la morte della madre con l’intenzione di vendere la casa che ha ereditato. Ricordata come introversa e bruttina dai suoi compaesani, la ragazza stupisce tutti quando si rivela una donna sexy e sicura di sé arrivando, poi, a far perdere la testa alla maggior parte degli uomini.

Amore, passione, frecciatine, tradimenti, invidia e gelosia fanno da padrone in questa commedia in perfetto stile british! Tratto dalla graphic novel di Posy Simmonds e trasposto per il grande schermo dalla scrittrice teatrale Moira Buffini, “Tamara Drewe” è un capolavoro del genere perfetto in ogni sua parte! Per una volta ci viene mostrata la vita difficile di una bella ragazza… L’aspetto esteriore non aiuta sempre. Tamara, infatti, è una donna che lotta ogni giorno per la propria credibilità visto che la gente non la prende sul serio professionalmente perché troppo bella. E’ la stessa ragazza con il naso enorme dell’adolescenza, ma le malelingue non si rendono conto.
Sotto l’aspetto sicuro di sé nasconde una gran tristezza e solitudine al punto che si trova a rispondere alle avances di uomini che aveva scacciato. Lei non agisce per il piacere dell’atto sessuale, ma per sconfiggere il male peggiore… la solitudine.
Fa riflettere il personaggio di Beth, la moglie tradita, occupata così tanto a lanciare frecciatine sulla protagonista invece di pensare ai propri problemi.

Un film assolutamente vero e realistico in ogni storyline, da quella della protagonista fino a quella delle ragazzine disposte a tutto pur di conoscere il proprio idolo. Stephen Frears si diverte da matti in “Tamara Drewe – Tradimenti all’inglese” e dirige con la classe, brio, eleganza che l’hanno contraddistinto in ogni suo film.
La sceneggiatura della Buffini è eccellente, migliore dell’ottima graphic novel pubblicata nel 2007! Ogni riferimento al romanzo “Via dalla pazza folla” di Thomas Hardy non è per nulla casuale al punto che viene citato nello stesso film. Geniale!

Posy Simmonds nelle sue opere disegna sempre delle ottime eroine mai banali e molto profonde. In fondo siamo un pò tutti Tamara Drewe con le nostre paure, insicurezze che cerchiamo di nascondere con una maschera! Ogni giorno siamo vittime, e non solo, di malelingue e di giudizi superficiali…sempre legati all’aspetto fisico!

gemma-arterton-as-tamara-drewe-in-tamara

La colonna sonora di Alexandre Desplat è di gran classe e si fonde alla perfezione con la campagna inglese. Il cast è veramente ottimo! Nei panni della protagonista troviamo un’eccellente Gemma Arterton in una delle prime interpretazioni in cui ha dimostrato di non essere solo uno splendido faccino, ma anche un’artista con un talento notevole. Troviamo, inoltre, un buon Luke Evans nel suo primo ruolo da protagonista maschile in lotta con un sempre credibile Dominic Cooper. Non sono da meno Tamsin Grieg con Roger Allam e Bill Camp.

Delizioso, divertente, sensuale con un’imprevedibile venatura nera… Il tutto mai banale. Il risultato è una commedia inglese molto brillante veramente eccellente!

VOTI FINALI
voto
Articolo precedenteUn poster molto old school per Mad Max: Fury Road
Articolo successivoCinquanta sfumature di grigio
GianDrewe
Redattore e Co-fondatore

Attore, cantante lirico, insegnante e... cinefilo! Amo il cinema in ogni suo genere con un'adorazione particolare per il cinema europeo specialmente britannico, visto che sono un sostenitore della scuola inglese. Molto spesso dalla parte opposta dei blockbuster e sulla strada degli indie e del cinema d’autore non solo di oggi... Pochi effetti speciali e molte emozioni!