Suicide Squad

Manca sempre meno all’uscita di Suicide Squad. Negli Usa il 5 agosto, da noi il 18 dello stesso mese.

Per celebrare l’uscita del cinecomic diretto da David Ayer Entertainment Weekly dedica 4 cover ai peggiori eroi di sempre oltre a nuove immagini ufficiali.

Cliccate sulle immagini per visionarle interamente.

E non è tutto; dal magazine giungono alcuni particolari sulla trama, fin ora poco svelata.
Niente di spoileroso: vi segnaliamo due note su tutte:

– Il film sarà ambientato dopo gli eventi di Batman v Superman:Dawn of Justice

– Il personaggio del Joker creerà non pochi problemi alla Task Force X per via del suo rapporto con Harley Quinn.

Scritto e diretto da David Ayer Suicide Squad è basato sui personaggi della DC Comics. Sarà distribuito da Warner Bros.

La sinossi: È bello essere cattivi! Raggruppa una squadra composta dai più cattivi, pericolosi e galeotti supervillain, fornisci loro l’arsenale più potente a disposizione del governo e spediscili in missione per sconfiggere una misteriosa, enigmatica entità. L’ufficiale dell’Intelligence americana, Amanda Waller, ha individuato un ristretto manipolo di malvagi individui, gente che non ha nulla da perdere. Tuttavia, quando capiranno che non sono stati scelti per avere successo, ma per essere incolpati quando falliranno inevitabilmente, cosa cercherà di fare questa Suicide Squad? Morirà provandoci o ciascun deciderà per sé?

 

Nel cast Will Smith, Jared Leto, Margot Robbie, Joel Kinnaman, Viola Davis, Scott Eastwood, Jai Courtney, Cara Delevingne, Adewale Akinnuoye-Agbaje, Adam Beach, Karen Fukuhara, Jay Hernandez, Ben Affleck, Jesse Eisenberg.

Fonte: EW

Articolo precedenteSaw 8 in produzione
Articolo successivoBianconeri Juventus Story. Il film sulla Juve in arrivo al cinema
Fara
Redattore

- Il cinema per me è come un goal alla Del Piero, qualcosa che ti entra dentro all'improvviso e che ti coinvolge totalmente. È una passione divorante, un amore che non conosce fine, sempre da esplorare. Lo respiro tutto o quasi: dai film commerciali a quelli definiti banalmente autoriali, impegnati, indipendenti. Mi distinguo per una marcata inclinazione al dramma, colpa del Bruce Wayne in me da sempre. Qualche gargamella italiano un tempo disse che di cultura non si mangia, la mia missione è smentire questi sciacalli, nel frattempo mi cibo attraverso il cinema, zucchero dolce e amaro dell'esistenza -