Star Trek Discovery

La nuova serie televisiva di Star Trek sbarcherà in tutto il mondo nel gennaio del 2017.

Grazie ad un accordo tra Netflix e CBS la serie sarà disponibile 24 ore dopo la messa in onda statunitense in 188 paesi. Tra i co-creatori spicca Bryan Fuller (Hannibal).

Di seguito il teaser e il comunicato del piattaforma streaming.

 

Netflix e CBS Studios International annunciano l’importante accordo di licenza internazionale per la nuova serie televisiva “Star Trek”. Netflix sarà avrà l’anteprima esclusiva di “Star Trek” in 188 paesi (esclusi Stati Uniti e Canada). Ogni episodio della serie sarà disponibile a livello globale entro 24 ore dalla sua prima edizione negli Stati Uniti.

Inoltre, tutti i 727 episodi esistenti della iconica biblioteca televisiva “Star Trek” – tra cui “Star Trek: Serie Classica”, “Star Trek: The Next Generation”, “Star Trek: Deep Space Nine”, “Star Trek: Voyager” e “Star Trek: Enterprise” saranno disponibili su Netflix in tutto il mondo entro la fine del 2016.

Il nuovo “Star Trek” inizierà la produzione a Toronto nel mese di settembre per una premier a gennaio 2017. L’iconico e influente franchising globale tornerà in televisione per la prima volta dal 2005 con una nuova nave, nuovi personaggi e nuove missioni, ma si caratterizzerà per la stessa ideologia e la speranza per il futuro che ha ispirato una generazione.

“Il lancio del nuovo ‘Star Trek’ sarà veramente un evento televisivo globale”, ha detto Armando Nuñez, Presidente e CEO di CBS Studios International. “‘Star Trek’ è già un fenomeno in tutto il mondo e questa partnership internazionale, darà ai fan di tutto il mondo, che hanno desiderando una nuova serie per più di un decennio, la possibilità di vedere ogni episodio praticamente contemporaneamente agli spettatori negli Stati Uniti. Grazie ai nostri partner di livello mondiale di Netflix, il nuovo ‘Star Trek’ sarà sicuramente ‘su tutte le frequenze’ in tutto il pianeta “.

“‘Star Trek’ è uno degli spettacoli più rappresentativi nella storia della televisione e siamo entusiasti di collaborare con la CBS per portare la serie amata per Trekkies di tutto il mondo”, ha detto Sean Carey, Netflix Vice President of Global Television “L’ultimo capitolo della storia promette di portare avanti la ricca tradizione di avventura e sicuramente renderà felice i fan in tutti i paesi dove Netflix è disponibile.”

Negli Stati Uniti, il nuovo “Star Trek” sarà presentato nel gennaio 2017 con un episodio speciale in anteprima sulla rete televisiva CBS . Il primo episodio e tutti gli episodi successivi saranno quindi disponibili negli Stati Uniti in esclusiva su CBS All Access, la rete digitale di sottoscrizione di video on demand e il servizio live streaming.

Come precedentemente annunciato, il nuovo “Star Trek” segna la prima serie originale sviluppata per la distribuzione negli Stati Uniti sulla CBS All Access, che fornisce agli spettatori migliaia di episodi di stagioni attuali e passati di CBS on demand, oltre alla possibilità di guardare in streaming il loro canale CBS Television locale per $ 5,99 al mese.

Alex Kurtzman e Bryan Fuller sono co-creatori e produttori esecutivi del nuovo “Star Trek”, basato sulla serie originale di Gene Roddenberry. Fuller ha cominciato la sua carriera scrivendo per “Star Trek: Deep Space Nine” e “Star Trek: Voyager”. Kurtzman è co-sceneggiatore e produttore dei film di successo “Star Trek” e “Star Trek Into Darkness”.

La serie è prodotta da CBS Television Studios in associazione con la Kurtzman’s Secret Hideout, Living Dead Guy Productions di Fuller, e Roddenberry Entertainment. Alex Kurtzman, Bryan Fuller, Heather Kadin, Gretchen Berg e Aaron Harberts, Rod Roddenberry e Trevor Roth saranno i produttori esecutivi –

Fonte: Netflix

Articolo precedenteSuicide Squad avrà una scena post-credits
Articolo successivoHacksaw Ridge: Andrew Garfield in guerra senza armi nel primo trailer
Fara
Redattore

- Il cinema per me è come un goal alla Del Piero, qualcosa che ti entra dentro all'improvviso e che ti coinvolge totalmente. È una passione divorante, un amore che non conosce fine, sempre da esplorare. Lo respiro tutto o quasi: dai film commerciali a quelli definiti banalmente autoriali, impegnati, indipendenti. Mi distinguo per una marcata inclinazione al dramma, colpa del Bruce Wayne in me da sempre. Qualche gargamella italiano un tempo disse che di cultura non si mangia, la mia missione è smentire questi sciacalli, nel frattempo mi cibo attraverso il cinema, zucchero dolce e amaro dell'esistenza -