Home Speciale Interviste Speciale LION – Parte 3: Video

Speciale LION – Parte 3: Video

Quest oggi siamo lieti di presentarvi il terzo capitolo del tributo al nuovo cortometraggio di Davide Melini, LION. In questa puntata, dedicata alla parte “Video”, si parlerá a lungo con i nostri tre ospiti: il montatore Daniel Salinas e i due tecnici degli effetti visuali Alessio Barzocchini e Raúl Trujillo. Vi invitiamo a leggere le loro interessanti interviste…. Solo su JAMovie!

ALESSIO BARZOCCHINI (EFFETTI VISIVI)

alessio-barzocchini
Alessio Barzocchini

1 – Come sei entrato a far parte del cortometraggio?

Sono entrato a far parte del cortometraggio grazie a Davide Melini che mi contattò dopo aver visto vari lavori che avevo svolto in altri cortometraggi, film e trailer. Dopo avermi spiegato il tipo di lavoro che dovevo svolgere e il mio ruolo in questo corto accettai senza pensarci due volte.

2 – Parlaci del tuo lavoro.

Sarebbe molto lungo spiegare in cosa consiste veramente quello che faccio comunque cercherò di spiegarmi velocemente. Il mio lavoro sta nel creare effetti visivi di “compositing” e 3D in tutto ciò che è impossibile girare in una ripresa, oppure creare ambientazioni che sarebbe molto difficile trovarle nel momento in cui stiamo girando il film. Questo lo creo con vari software modellando e aggiungendo ciò che serve. Una delle cose che usiamo maggiormente e che sicuramente conoscete è il famosissimo GREEN o BLUE SCREEN (un telo verde o blu che fa da sfondo). Su questo telo attraverso dei programmi verrà creato un vuoto che sarà riempito dall’ambientazione ricostruita in 3D dove verrà portata in un software di compositing per aggiungere vari effetti mancanti.

3 – La cosa che maggiormente ti è piaciuta del tuo lavoro?

Sicuramente in questo progetto è stata l’ambientazione con neve e alberi completamente ricostruita in 3D e in “compositing”… Ma non posso rivelare tanto di ciò che ho fatto per questo progetto quindi vi invito a vederlo direttamente al cinema.

4 – La cosa più difficile che hai dovuto svolgere?

Proprio l’ambientazione di cui vi ho parlato precedentemente, dove ho ricostruito tutto quello che vedrete. Quella é stata una scena molto difficile per via delle dinamiche che ho dovuto utilizzare (vento) e la ricostruzione in se stessa.

5 – Il cortometraggio è diretto da uno dei migliori registi horror italiani e prodotto da un gruppo di persone che lavorano a pieno ritmo in film kolossali, come “Thor”, “Harry Potter”, “Titanic”, “Gangs in New York”, ecc. Come è stato lavorare in un film di queste dimensioni?

Sicuramente è stato ed è molto gratificante lavorare con gruppo di persone di altissimo calibro, dove molte volte se ti fermi a pensare con chi stai lavorando ti mette un po’di suggestione. Io comunque so perfettamente quello che faccio e in tutti i lavori ho dato il massimo.

6 – Quali sono le tue aspettative riguardo al cortometraggio?

Le mie aspettative sinceramente sono alte visto la potenzialità di questo cortometraggio. Credo che metteremo un bel tassello importante ed una (speriamo) continuazione in progetti ancora più importanti.

7 – Contento di averne formato parte?

Certamente che sono contento. Lavorare con Davide e con le persone che fanno veri e propri kolossal sicuramente é eccezionale!

1
2
3
Articolo precedenteTorinoFF 34: Operation Avalanche – la recensione
Articolo successivoTITAN FORCE di Daniel Frevert
Il Biondo
Capo Redattore e Co-fondatore

Grande amante del cinema, e questo è scontato dirlo se sono qua :­) Appassionato da sempre del genere horror, di nicchia e non, e di film di vario genere con poca distribuzione, che molto spesso al contrario dei grandi blockbuster meriterebbero molto più spazio e considerazione; tutto ciò che proviene dalle multisale, nelle mie recensioni scordatevelo pure. Ma se amate quelle pellicole, italiane e non, che ogni anno riempono i festival di Berlino, Cannes, Venezia, Toronto, e dei festival minori, allora siete capitati nel posto giusto.

‘Rest..In..Peace’