Home news RACCOLTA FONDI PER “BABYSTRAWBERRY”

RACCOLTA FONDI PER “BABYSTRAWBERRY”

BABYSTRAWBERRY, IL PROMO/CORTO DEL FILM PRESO DAL LIBRO DI FRANCESCA INVIAGGIO, È ALLA RICERCA DI FONDI ATTRAVERSO UNA CAMPAGNA DI CROWDFUNDING SU PRODUZIONI DAL BASSO.
E’ appena partita la ricerca fondi per il film “Babystrawberry”, un progetto cinematografico top-secret. Attraversando i vari ambienti dell’arte, in una città come New York, intende mandare un messaggio forte contro la droga e la facilità con cui una giovane donna può cadere preda dei tanti pericoli nascosti dietro l’attrattiva di un mondo dorato e scintillante, pieno di opportunità, e al tempo stesso pieno di predatori e in cui è anche troppo facile perdersi. Il film racconta la storia vera del viaggio negli States di una giovane attrice italiana, di cui nessuno conosce ancora la vera identità. Si firma Francesca Inviaggio e le immagini e suggestioni ricreate, prendono vita dal suo libro scandalo “Babystrawberry”, che a poco tempo dalla pubblicazione online, sta già facendo sorgere numerosi interrogativi sull’identità dei tanti personaggi in vista coinvolti in alcune delle situazioni più assurde ed estreme e su chi sia lei, Chi è Francesca Inviaggio?

Una storia dal respiro universale, di solitudine e di eccessi, dove il caso la fa da padrone. Un vortice tra innocenza, soldi, potere, sogni, incontri positivi e situazioni negative, sesso, droga, Amore, moda, arte, il mondo del cinema, la ricerca della felicità e l’escalation personale di lei: Baby Strawberry, la parte più profonda e autentica di Francesca, che tra esperienze personali e ombre tormentose dietro ogni scelta e percorso intrapresi, si è persa a metà tra l’ innocenza e l’oscurità del mondo degli adulti.

È questo tornado di vicende, feste e destini incrociati, che spinge l’autrice a raccontare i fatti attraverso immagini e sensazioni forti, puntando a risucchiare lo spettatore all’interno della storia, in un trip psichedelico dal ritmo serrato e avvincente, la cui essenza va colta attraverso sensazioni visive, nonchè da una visione metafisica e sul senso della vita.

Il regista e altre figure tecniche presenti sul set, anche coinvolte nelle vicende trattate, sono parte del racconto; ciò consente una collaborazione forte, una visione a 360° di un’ambientazione sospesa tra “Sex and the city”, “paura e Delirio a Las Vegas” e “Diario di una squillo”; il tutto scandito da un ritmo serrato alla “Hurricane” di Bob Dylan. Il film, ambientato negli States verrà girato in lingua inglese.

Perché il crowdfunding? Preservare il fattore “top secret” fino alla realizzazione operativa del lungometraggio è fondamentale. Gli appoggi e i contatti che partecipano all’investimento nella realizzazione del promo sono numerosi; una seconda unità di editing negli States, provvederà al montaggio di una versione cortometraggio che sarà mandato a tutti i Festival, italiani e Internazionali. Per coprire le spese vive di produzione del light da girarsi a New York, è stata lanciata una campagna di crowdfunding.

Francesca Inviaggio: ”Aiutateci a portare “Babystrawberry” agli occhi di tutti, il messaggio è forte, e il tema importante, perché a volte il volto scintillante di un mondo dorato può ingannare, ed è facile cadere nella tana del Bianconiglio.
Vi ringraziamo per l’attenzione e vi chiediamo, se il progetto vi interessa, di condividerlo”.

CAMPAGNA CROWDFUNDING: https://www.produzionidalbasso.com/project/babystrawberry/?after_update=True

 

FONTE : www.mondospettacolo.com

Articolo precedenteInside Out
Articolo successivoAutomata
Il Biondo
Capo Redattore e Co-fondatore

Grande amante del cinema, e questo è scontato dirlo se sono qua :­) Appassionato da sempre del genere horror, di nicchia e non, e di film di vario genere con poca distribuzione, che molto spesso al contrario dei grandi blockbuster meriterebbero molto più spazio e considerazione; tutto ciò che proviene dalle multisale, nelle mie recensioni scordatevelo pure. Ma se amate quelle pellicole, italiane e non, che ogni anno riempono i festival di Berlino, Cannes, Venezia, Toronto, e dei festival minori, allora siete capitati nel posto giusto.

‘Rest..In..Peace’