Home recensioni commedia Pitch Perfect 2

Pitch Perfect 2

Hanno fatto strada le Bellas che le troviamo a cantare al Lincoln Center di New York di fronte al Presidente Barack Obama! Un incidente di Ciccia Amy fa estromettere il gruppo vocale alla competizione scolastica di canto a cappella. Ultima spiaggia è il concorso internazionale a Copenhagen… Riusciranno le nostre eroine?

La sottovalutata in ogni campo Elizabeth Banks prende le redini di “Pitch Perfect 2” debuttando come regista. La donna sa cosa ha funzionato nel primo episodio e lo ripropone puntando su diversi cavalli vincenti come Rebel Wilson, una mina vagante di battute frizzanti che vanno tutte a segno! Di una simpatia straripante, l’attrice oversize trentacinquenne dovrebbe essere molto più presente nel cinema contemporaneo!

La regia funziona, ha carattere e un ritmo incalzante che non cala minimamente. Diverte in continuazione e non annoia mai! Per una volta il sequel è allo stesso livello (se non superiore) del precedessore! La colonna sonora è da avere e divorare ogni giorno. Fa da sfondo a scene esilaranti come la dichiarazione di Amy con “We Belong” di Pat Benatar e a sequenze eccezionali come il mash-up finale che non fa rimpiangere quello del primo episodio.

Troviamo, però, un difetto! La sceneggiatura vuole giocare sul sicuro accontentando la massa quindi inserisce spesso una serie di cliché che all’inizio fanno storcere il naso. Siamo stanchi di discografici sufficienti e antipatici! L’ingresso del nuovo personaggio interpretato da Hailee Steinfeld non convince in pieno, ma andando avanti prende smalto diventando la Becca del secondo episodio, così timida e goffa. Sembra quasi un passaggio di testimone!
Il livello sarebbe migliorato se fossero state inserite delle situazioni più originali… Peccato!

Comunque sia il livello è decisamente accettabile, nettamente superiore alla media dei film commerciali americani. Ci si affeziona alle Bellas, così goffe! Sono sempre le outsider della situazione, ma riescono a colpire il segno. E’ sempre un piacere veder recitare Anna Kendrick, una delle attrici più eclettiche in circolazione. Sempre convincente e credibile!

Purtroppo “Pitch Perfect 2” non avrà in Italia il successo che ha in America visto che il predecessore ha avuto fortuna in home video con il passaparola (da noi si chiama “Voices”), ma vi consiglio caldamente la visione di entrambi gli episodi. Due cult divertenti e frizzanti, senza pretese ma non banali!

VOTI FINALI
voto
Articolo precedenteSolo gli amanti sopravvivono – di Jim Jarmusch (2013)
Articolo successivoNon ci siamo Giourdano : “Rogue River” – (2012)
GianDrewe
Redattore e Co-fondatore

Attore, cantante lirico, insegnante e... cinefilo! Amo il cinema in ogni suo genere con un'adorazione particolare per il cinema europeo specialmente britannico, visto che sono un sostenitore della scuola inglese. Molto spesso dalla parte opposta dei blockbuster e sulla strada degli indie e del cinema d’autore non solo di oggi... Pochi effetti speciali e molte emozioni!