Home recensioni animazione Piangi pupazzo, piangi: Anomalisa

Piangi pupazzo, piangi: Anomalisa

anomalisa

Anomalisa fa del male.

Non so in che altro modo descrivere questa pellicola. Certo, dal punto di vista tecnico è molto semplice: ca-po-la-vo-ro. Come altro si può definire un’opera in stop motion così realistica, curata, durata 3 anni di lavoro? Il making of può forse dare un’idea, ma anche solo vedendo Anomalisa e il grado di dettaglio raggiunto su schremo se ne può carpire la fatica dietro.

anomalisa
Ridefinire il concetto di disagio.

Michael Stone è un uomo di mezza età serio e di successo: moglie, figlio, business, tutta quadra, talmente tanto che Stone è in piena crisi, una crisi che lo rende depresso e vacuo tutto quello che lo circonda.

Non ci sono piagnistei, ma solo parole, gesti, persone prive di significato. Nella sua vita tutte le voci sono uguali: letteralmente! Sulle prime vi sembrerà strano, ma semplicemente ogni personaggio di Anomalisa ha la stessa voce maschile… tranne Lisa, una donna semplice ma anche unica per Stone, che la vede come per questo come la luce nella sua buia esistenza.

semplicemente ogni personaggio di Anomalisa ha la stessa voce maschile… tranne Lisa

Tra sequenze grottesche e oniriche, vi domanderete a un certo punto se Stone ha problemi mentali o se vi trovate di fronte a un altro genere di film, ma la realtà sarà terribilmente più semplice, e sotto i vostri occhi da sempre.

Personalmente non mi ero mai sentito a disagio nel vedere due pupazzi fare cose in stop-motion. Anche solo per questo, Anomalisa vince e si fa ricordare. Non a caso, tra gli scripts di Kaufman c’è anche Se mi lasci ti cancello, altra perla per originalità e corde dell’animo toccate.

VOTI FINALI
voto
Articolo precedenteHugmented #10 “Intelligenze artificiali”
Articolo successivoUn’altra vita: “Il figlio dell’altra” – di Lorraine Lévy (2012)
Dr.Gabe
Direttore e Fondatore

Il lavoro e la vecchiaia incombono, ma da quando ho memoria mi spacco di film di fantascienza, dove viaggio di testa fino a perdermi, e salto in piedi sul divano per dei tizi che si menano o sparano alla gente come fossero birilli. Addolorato dalla piaga del PG­13, non ho più i nervi per gli horror: quelli li lascio al collega, io sono il vostro uomo per scifi, azione e film di pistolotti metacinema/mental/cose di finali tripli.