Home recensioni Passengers, o anche Titanic coi meteoriti

Passengers, o anche Titanic coi meteoriti

passengers

Passengers, o l’amore ai tempi di Star Trek. Passengers, Harmony nello spazio. Passengers…

Ma basta con le parafrasi; come avrete capito, il vero cuore di questo sedicente sci-fi è quello di un film romantico. Sia chiaro, gli elementi fantascientifici non mancano: trattasi di una nave interstellare che traghetta 5000 anime nello spazio, in un viaggio di 120 anni verso una colonia, un posto dove poter cominciare una nuova vita.

Cosa va storto? Uno dei 5000 passeggeri si desterà 90 anni prima del dovuto all’ibernazione

Praticamente condannato a vivere e morire su una nave spaziale in viaggio.

Fin qui tutto bene: c’è l’ansia, l’empatia per una situazione estrema e apparentemente senza soluzione, e poi un cambiamento (lo avete visto tutti il trailer no?).

C’è lei, bella in modo assurdo; e poi il design accattivante della nave, e l’androide-barman divertente, e…basta.

passengers
Ma ne sta parlando bene o male?

Io ce l’ho messa tutta a cercar di apprezzare Passengers, e non è neanche così facile trovare qualcosa di davvero sbagliato nel film. Forse c’è amore -è più vicino a Titanic di quanto non avessi voluto- e qualcuno potrebbe persino commuoversi; ma manca dell’anima. Il film non si prende alcun rischio, e tra una location patinata e un volto sempre perfetto, quel poco che resta era tutto racchiuso nel trailer.

Non vuole essere una bocciatura in toto questa; Passengers non è un brutto film; solo, mettete da parte ogni pretesa che vada oltre il passare del tempo in leggerezza, magari ammirando la bellezza della Lawrence.

 

VOTI FINALI
voto
Articolo precedenteCiclone Neegan: The Walking dead (7a stagione)
Articolo successivoALIENS NIGHT di Andrea Ricca
Dr.Gabe
Direttore e Fondatore

Il lavoro e la vecchiaia incombono, ma da quando ho memoria mi spacco di film di fantascienza, dove viaggio di testa fino a perdermi, e salto in piedi sul divano per dei tizi che si menano o sparano alla gente come fossero birilli. Addolorato dalla piaga del PG­13, non ho più i nervi per gli horror: quelli li lascio al collega, io sono il vostro uomo per scifi, azione e film di pistolotti metacinema/mental/cose di finali tripli.