Home Rubriche Oriente One Punch Man

One Punch Man

La storia di Saitama fa sembrare la saga di Dragon Ball un’ opera di Dostoevskij:

1) Nel mondo ci sono i mostri

2) Nel mondo esistono degli Eroi, organizzati per classi e aventi abilità e/o poteri di diverso tipo

3) Saitama è disoccupato e disilluso, quando un giorno si scontra un mostro, e da allora si allena per tre anni come un pazzo, diventando pelato e invincibile.

XsXIj34
La tipica espressione da supereroe

Questo è quanto vi basta per amare One Punch Man… il suo soprannome vi apparirà evidente dopo il quarto nemico sbudellato con un destro! Un anti-eroe per eccellenza, almeno sulle prime, annoiato da avversari che non reggono un secondo colpo e preoccupato dal perdere gli sconti al supermercato.

Saitama troverà sulla sua strada un discepolo, degli amici e molti detrattori, che lo ritengono un fake. Ma non è la storia il pezzo forte di One Punch Man, quanto i pestoni epici che i personaggi si scambiano!

Animazione di livello e combattimenti all’insegna dell’orgia cromatica la fanno da padrona, trasmettendo una discreta fotta che non farà altro che salire da episodio a episodio, fino all’epico finale: non potrete non canticchiare la sigla nel dodicesimo episodio

MOLTO BENE: via i soliti clichè dell’eroe bello e tormentato; i combattimenti esaltati vi faranno tornare bambino

MENO BENE: la comicità talvolta forzata, con personaggi come PuriPuri Purizuna abbastanza agghiaccianti

Non vi resta che recuperare One Punch, e ricordatevi di cantare la sigla fortissimo mentre lo fate!

Per vedere l’anime in streaming gratis e legale, fate un salto su Vvvvid: https://www.vvvvid.it/#!show/404/one-punch-man

Articolo precedenteStar Wars Episodio VII – Il risveglio della Forza
Articolo successivoTop movies 2015 – La classifica di JAMovie
Dr.Gabe
Direttore e Fondatore

Il lavoro e la vecchiaia incombono, ma da quando ho memoria mi spacco di film di fantascienza, dove viaggio di testa fino a perdermi, e salto in piedi sul divano per dei tizi che si menano o sparano alla gente come fossero birilli. Addolorato dalla piaga del PG­13, non ho più i nervi per gli horror: quelli li lascio al collega, io sono il vostro uomo per scifi, azione e film di pistolotti metacinema/mental/cose di finali tripli.