Signora Robinson, sta cercando di sedurmi, vero? #Il laureato#

Home news Netflix si aggiudica per 20 milioni di dollari il nuovo film con...

Netflix si aggiudica per 20 milioni di dollari il nuovo film con Melissa McCarthy

Sulla base di una sceneggiatura e di un promo reel di quattro minuti, Netflix si è aggiudicata l’asta per i diritti di distribuzione mondiale di The Starling, il nuovo film diretto da Ted Melfi che vede nel cast Melissa McCarthy, Kevin Kline, Chris O’DowdTimothy Olyphant.

Stando alle fonti di Deadline l’accordo si aggira intorno ai 20 milioni di dollari, e anche se non si tratta dell’importo più alto pagato da uno studio per agguantare i diritti di distribuzione di un film sulla base della sola sceneggiatura e di una sizzle reel di presentazione, il lungometraggio con Melissa McCarthy si è attestato su un “prezzo” decisamente degno di nota.

L’accordo sarebbe stato chiuso lo scorso venerdì da Netflix ed è un ulteriore segnale della “fame” di nuovi contenuti da proporre sulla piattaforma specie ora che, come vi abbiamo spiegato nella nostra area TV, l’emergenza Coronavirus ha contribuito a un fortissimo incremento negli iscritti paganti a Netflix: il gigante dello streaming ieri ha comunicato i dati trimestrali annunciando di aver aggiunto 15,8 milioni di utenti nel primo trimestre del 2020, salendo a 183 milioni di iscritti in tutto il mondo.
Nell’ultimo report, Netflix prevedeva una crescita di 7 milioni di utenti, chiaramente l’emergenza ha contribuito al raddoppio di questi numeri. Le previsioni per il secondo trimestre sono di 7.5 milioni di utenti, oltrepassando i 190 milioni di utenti in tutto il mondo.
La pellicola in questione è stata già girata e si trova nella fase di post-produzione, particolare non da poco ora che tutte le produzioni sono in stop a causa della pandemia partita dalla Cina e propagatasi a tutto il mondo.
Allo stato attuale, non si sa ancora quando verrà proposta da Netflix ma non e da escludere che possa arrivare a margine della stagione dei premi.

Sulla base di una sceneggiatura e di un promo reel di quattro minuti, Netflix si è aggiudicata l’asta per i diritti di distribuzione mondiale di The Starling, il nuovo film diretto da Ted Melfi che vede nel cast Melissa McCarthy, Kevin Kline, Chris O’DowdTimothy Olyphant.
Stando alle fonti di Deadline l’accordo si aggira intorno ai 20 milioni di dollari, e anche se non si tratta dell’importo più alto pagato da uno studio per agguantare i diritti di distribuzione di un film sulla base della sola sceneggiatura e di una sizzle reel di presentazione, il lungometraggio con Melissa McCarthy si è attestato su un “prezzo” decisamente degno di nota.

L’accordo sarebbe stato chiuso lo scorso venerdì da Netflix ed è un ulteriore segnale della fame di nuovi contenuti da proporre sulla piattaforma specie ora che, come vi abbiamo spiegato nella nostra area TV, l’emergenza Coronavirus ha contribuito a un fortissimo incremento negli iscritti paganti a Netflix: il gigante dello streaming ieri ha comunicato i dati trimestrali annunciando di aver aggiunto 15,8 milioni di utenti nel primo trimestre del 2020, salendo a 183 milioni di iscritti in tutto il mondo.
Nell’ultimo report, Netflix prevedeva una crescita di 7 milioni di utenti, chiaramente l’emergenza ha contribuito al raddoppio di questi numeri.
Le previsioni per il secondo trimestre sono di 7.5 milioni di utenti, oltrepassando i 190 milioni di utenti in tutto il mondo.
La pellicola in questione è stata già girata e si trova nella fase di post-produzione, particolare non da poco ora che tutte le produzioni sono in stop a causa della pandemia partita dalla Cina e propagatasi a tutto il mondo.
Allo stato attuale, non si sa ancora quando verrà proposta da Netflix ma non e da escludere che possa arrivare a margine della stagione dei premi.

In The Starling Melissa McCarthy e Chris O’Dowd interpretano una coppia sposata che cerca di ricostruire la propria relazione dopo essere stati toccati da una tragedia.
In corsa per i diritti della pellicola, in aggiunta a Netflix, c’erano anche 101 Studios, Lionsgate e Sony 3000.