Home Rubriche Moon

Moon

Sam Bell da 3 anni vive solo in una base lunare, sul lato oscuro della luna, lavora per la multinazionale Lunar Industries per spedire ogni giorno l’Helium 3, un prezioso gas che potrebbe risolvere il problema energetico della terra. Lo aiuta Gertie, robot parlante che lo consiglia, lo tiene in contatto video con moglie e figlia, lo accudisce… Abbandonato ad un isolamento forzato dal mondo terrestre, l’uomo convive con la macchina in uno stato di alienazione crescente. SPOILER Arrivato allo scadere del proprio contratto di tre anni a due settimane da rientro, Sam rimane coinvolto in un brutto incidente in jeep e scopre l’esistenza di un replicante, un altro Sam Bell. In attesa dei soccorsi i due cercano di superare la reciproca crisi d’identità.

Gertie is disappointed
Gertie is disappointed

Cosa dire se non buon sangue non mente? Figlio d’arte del grande David Bowie, Duncan Jones alla sua opera prima, a fronte di un budget irrisorio (solo 5 milioni!) scrive e dirige un film di fantascienza come non se ne vedevano da anni.

Moon è un gioiellino minimale con poca azione e molto pensiero, dalle immagini suggestive con una visione abbastanza cupa sul futuro che fa riflettere. Modellato su capolavori irraggiungibili, Duncan si permette anche il lusso di citazioni a go-go che vanno da Kubrick (Gertie non vi ricorda in modo incredibile il vecchio HAL 9000 di “2001”?) a “Blade Runner” e realizza una piccola perla di un cinema ormai raro, un vero e proprio cult.

Articolo precedenteNon cantate quella canzone : “Jeepers Creepers” – (La saga)
Articolo successivoSuite Francese
Zeno
Redattore e Co-fondatore

Cresciuto a massicce dosi di cinema, fin da giovane età veniva costretto dal padre a maratone e maratone di Spaghetti-Western. Leggenda narra che la prima frase di senso compiuto che uscì dalla sua bocca fu: “Ehi, Biondo, lo sai di chi sei figlio tu? Sei figlio di una grandissima……” Con il passare del tempo si è evoluto a quello che è oggi: un cinefilo onnivoro appassionato di cinema in ogni sua forma che sia d’intrattenimento, d’autore o l’indie più estremo. Conteso da “Empire”, “The Hollywood Reporter”, “Rolling Stone”, ha scelto Jamovie perché, semplicemente, il migliore tra tutti.