Home recensioni avventura Mad Max: Fury Road

Mad Max: Fury Road

Miller si ferma a Oltre la sfera del tuono, si prende una doverosa pausa di 30 anni, fa altro, e se ne torna con un fottuto capolavoro dove sfrutta al meglio tecnologia ed evoluzione dei mezzi cinematografici per evolvere all’impossibile l’idea alla base di Road Warrior -l’inseguimento definitivo tra autocisterna dell’eroe e pazzi in auto-, arrivando a migliorarsi con una trama degna di questo nome, e persino alcuni momenti in cui tirare il fiato, dato che in sala non sono tutti Michael Bay.

mmfr-jm2
Delicatessen

La recensione potrei anche finirla qui, ma per chi è nuovo all’universo di Mad Max, parliamo di un uomo che, in un futuro post-apocalittico dove la guerra per il petrolio è finita a bombe atomiche e gente morta male, si limita a poco più di sopravvivere, tra il ricordo dei cari che non è riuscito a salvare. Nel nulla più assoluto, solo chi ha benzina per la propria auto può sperare di sopravvivere alla violenza incondizionata che regna sovrana.

In questo quarto capitolo (più un reboot, a dir il vero) sono forti gli ammiccamenti alla saga: in primis il V8 che -minispoiler- finisce all’aria; fucili a canne mozze inaffidabili, pazzi mascherati, mostri di lamiere d’acciaio che si distruggono con enfasi e felicità; il protagonista che resta di poche parole. A questo, si aggiungono una serie evoluzione narrativa, data dal bene primario che è diventato, giustamente, l’acqua e il verde; una presenza femminile estremamente forte in Furiosa, una Charlize Theron davvero in forma che tenta di portare in salvo le ancelle di Immortan Joe -il capo dei pazzi- e che ruba la scena più volte a Max arrivando addirittura a dar lei il colpo di grazie al villain ; altra evoluzione è la pazzia, più strutturata e figlia della generazione che nella post-apocalisse ci è nata.

mmfr-jm3
Dura la vita del capo

Ineccepibile il lato tecnico: colonna sonora usata con maestria a enfatizzare follia e dramma; effetti speciali funzionali alle scene e che si integrano alla grande con gli stunt e il girato reale (con un unico neo in una delle ultime, maestose distruzioni di veicoli che è pesantemente in CGI).

Che dire, il film scorre che è una meraviglia, con il sorriso costantemente sulle labbra. Miglior action degli ultimi anni, senza dubbio.

VOTI FINALI
voto
Articolo precedenteFor Your Eyes Only
Articolo successivoIl racconto dei racconti – Tale of Tales
Dr.Gabe
Direttore e Fondatore

Il lavoro e la vecchiaia incombono, ma da quando ho memoria mi spacco di film di fantascienza, dove viaggio di testa fino a perdermi, e salto in piedi sul divano per dei tizi che si menano o sparano alla gente come fossero birilli. Addolorato dalla piaga del PG­13, non ho più i nervi per gli horror: quelli li lascio al collega, io sono il vostro uomo per scifi, azione e film di pistolotti metacinema/mental/cose di finali tripli.