De Niro e Scorzese

Pochi giorni dopo la fine del Festival di Cannes, Lucky Red ha annunciato i titoli acquistati che la compagnia distribuirà in Italia oltre a quelli già comunicati come Juste la Fin du Monde di Xavier Dolan, vincitore del Grand Prix, e The Salesman di Asghar Farhadi, che si è aggiudicato i premi di miglior attore protagonista e miglior sceneggiatura

Su tutti spicca The Irishman, il nuovo lavoro di Martin Scorzese con Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci. Era uno dei titoli più ambiti a Cannes, dove è riuscito a trovare i finanziamenti.
Il film è tratto dal romanzo “L’Irlandese: Ho ucciso Jimmy Hoffa” di Charles Brandt.

“Avere il privilegio di distribuire un film del più grande regista del cinema contemporaneo – dichiara ‪Andrea Occhipinti‬ – è per ‪LuckyRed‬ motivo di orgoglio, il riconoscimento di un lavoro quasi trentennale sugli autori, portato avanti con serietà e dedizione. Siamo emozionati e felici”.

Non solo Scorzese, questi gli altri titoli che Lucky Red distribuirà nel nostro paese:

JAKIE di Pablo Larrain
Il regista del Il Club si concentra sui giorni successivi alla morte di JFK, protagonista Natalie Portman nei panni della first lady, Jacqueline Kennedy.

MERIDIANO DI SANGUE di James Franco
Tratto dall’omonimo romanzo di Cormac McCarthy (Non è un paese per vecchi).

THE DEATH AND LIFE OF JOHN F.DONOVAN di Xavier Dolan
Si tratta del primo film in lingua inglese dell’apprezzato giovane regista canadese. Per questo progetto un cast di tutto rispetto: Kit Harington, Jessica Chastain, i premi Oscar Natalie Portman,  Susan Sarandon e Kathy Bates, Taylor Kitsch, Nicholas Hoult e Thandie Newton.

FLAMMABLE CHILDREN di Stephen Elliott

EARLY MAN di Nick Park

SCARPETTE ROSSE E I 7 NANI

Articolo precedenteDjango Unchained
Articolo successivoCOLT: Stefano Sollima svilupperà la serie western pensata da Sergio Leone
Fara
Redattore

- Il cinema per me è come un goal alla Del Piero, qualcosa che ti entra dentro all'improvviso e che ti coinvolge totalmente. È una passione divorante, un amore che non conosce fine, sempre da esplorare. Lo respiro tutto o quasi: dai film commerciali a quelli definiti banalmente autoriali, impegnati, indipendenti. Mi distinguo per una marcata inclinazione al dramma, colpa del Bruce Wayne in me da sempre. Qualche gargamella italiano un tempo disse che di cultura non si mangia, la mia missione è smentire questi sciacalli, nel frattempo mi cibo attraverso il cinema, zucchero dolce e amaro dell'esistenza -