Home Rubriche InstaCult Lock, Stock and two smoking barrels

Lock, Stock and two smoking barrels

lock stock

Correva l’anno 1998, Jason Statham era uno sconosciuto e Vinnie Jones era ancora noto da amanti del calcio e forze dell’ordine per fare brutto solo in campo.

Oggi è diverso, del primo sapete tutti come sia divenuto un’icona del cinema action, degno erede degli Sly e Schwarz dei bei tempi andati (ma con un impero fisiologiacamente imparagonabile: sono altri tempi!) e ultimamente parte del franchise di F&F; il secondo potrebbe non dirvi nulla sulle prime -motivo per cui il suo faccione è in cima all’articolo-, ma qualche anno fa era quasi una costante negli action, con parti più o meno importanti, ad esempio Mean Machine e Fuori in 60 secondi

Ebbena, la prima volta per entrambi la dobbiamo a Guy Ritchie, di cui mi sento di dire due cose in tutta onestà:

1) Gli action li fa con lo stampino: fate passare del tempo e probabilmente alcuni tratti di Lock, Stock.. Snatch e Rocknrolla vi sembreranno provenire tutti dallo stesso film

2) la 1) non è necessariamente un male.

Banale quasi tutto quello che si può dire sullo stile del regista: pop, videoclippato, una nevrosi di slo-mo e fast forward, il tutto condito da dialoghi di gente che ridefinisce il concetto di grezzo a ogni frase.

lock stock
I criminali della domenica protagonisti

E’ probabile che abbiate visto Snatch e non Lock, Stock…, essendo stato il primo obiettivamente più mainstream e al consacrazione di Ritchie; e se si assomigliano così tanto, perchè vederlo?

La verità è che, se ci si toglie la patina da critico cinematografico, il cinema di Ritchie diverte se lo si prende per quello che è: intrattenimento; un plot inizialmente risibile, dato da 4 sfigati che tentano il colpaccio e si ritrovano a dover orchestrare l’impossibile per non finire freddi, per un intreccio davvero ben orchestrato di criminali sgangherati che incrociano le proprie strade con risultati più o meno comici e/o mortali.

Davvero difficile, non godere del film. Almeno di non volersi male con la versione originale senza sottotitoli: allora buona fortuna; non so il vostro livello di inglese, ma se non siete dell’ East London la vedo dura.

Articolo precedente“The Woman Who Left” di Lav Diaz sarà distribuito anche in Italia
Articolo successivoLawrence e Pratt nel primo trailer di Passengers
Dr.Gabe
Direttore e Fondatore

Il lavoro e la vecchiaia incombono, ma da quando ho memoria mi spacco di film di fantascienza, dove viaggio di testa fino a perdermi, e salto in piedi sul divano per dei tizi che si menano o sparano alla gente come fossero birilli. Addolorato dalla piaga del PG­13, non ho più i nervi per gli horror: quelli li lascio al collega, io sono il vostro uomo per scifi, azione e film di pistolotti metacinema/mental/cose di finali tripli.