Home recensioni commedia Lo stagista inaspettato

Lo stagista inaspettato

Ben è un pensionato settantenne e vedovo che passa le sue giornate cercando di tenersi impegnato più tempo possibile. Un giorno trova l’annuncio di un e-commerce di abbigliamento che cerca stagisti senior. Si trova subito alla destra del boss Jules, una stacanovista che ha costruito il suo impero con le sue mani.Tra i due dopo la prima diffidenza, soprattutto da parte della donna, si instaurerà un bellissimo rapporto di amicizia e stima reciproca.

Nancy Meyers torna a farci divertire e riflettere con “Lo stagista inaspettato”, un film che discute sulla situazione lavorativa attuale. Come è cambiato il mondo del lavoro da quaranta anni? Troviamo una boss dedita e innamorata del proprio lavoro. La vediamo stressata, ma mai stanca del proprio impiego. Non immagina neanche di dover lasciare le redini a qualcuno esterno al suo sito di e-commerce. Da un’altra parte troviamo un uomo anziano che ha fatto carriera prima che arrivasse internet e i siti di acquisti online. Due modi diversi di lavorare e di vivere. La sceneggiatrice non dice quale sia migliore, ma si limita a raccontare questo incontro di vite ed esperienze.

THE INTERN

Nel corso degli anni Nancy Meyers si è sempre distinta per raccontare le sue storie sempre con garbo, brillantezza, maturità e senza mai scadere nella volgarità. Qui si nota subito l’impronta della regista e sceneggiatrice, ma il risultato finale non convince pienamente. Parliamoci chiaro, “Lo stagista inaspettato” è un bel film, una delle migliori commedie dell’anno come hanno detto molti. Si ride molto e fa riflettere, ma purtroppo ha un difetto da non sottovalutare: la sceneggiatura.

La sceneggiatrice dimostra di trovarsi molto di più a suo agio nel raccontare i personaggi anziani, mentre stenta un pò nel presentare e sviluppare la vicenda familiare della protagonista femminile. Qualche scelta narrativa fa storcere un pò il naso! Fortunatamente la coppia De Niro Hathaway funziona alla perfezione: l’eccellenza del passato che incontra quella del presente in un unione pazzesca. C’è grande sintonia tra i due!

Robert De Niro dipinge in maniera eccelsa un personaggio che si ama dal primo fotogramma. Come l’età non ha indebolito il suo Ben, questo si può dire anche sull’attore, uno dei migliori attori della storia. Anne Hathaway, dopo la presentazione della sua Jules un pò insopportabile, riesce a rappresentare alla perfezione una grande donna contemporanea con gli attributi -e outfit bellissimi- che si è fatta da sola, la quale lotta per i propri diritti… Questo film ha un bello spirito femminista. Impossibile non fare un parallelismo con il film che l’ha portata al successo “Il diavolo veste Prada”. Il resto del cast funziona, ma lo spettatore è completamente catturato dai protagonisti! Sicuramente questo film si apprezza di più scavando sotto la superficie.

“Lo stagista inaspettato” è come una cioccolata calda: riscalda tutto il corpo, dà serenità e fa stare bene… Forse non è il miglior lavoro di Nancy Meyers, ma merita di essere visto come tutto il cinema della regista, una delle più importanti in America che è stata avanti nei tempi. Sia lode e gloria a Robert De Niro insieme ad Anne Hathaway, nei secoli dei secoli. Amen.

 

VOTI FINALI
voto
Articolo precedenteTake Shelter – di Jeff Nichols (2011)
Articolo successivoLiberaci dal male – di Scott Derrickson (2014)
GianDrewe
Redattore e Co-fondatore

Attore, cantante lirico, insegnante e... cinefilo! Amo il cinema in ogni suo genere con un'adorazione particolare per il cinema europeo specialmente britannico, visto che sono un sostenitore della scuola inglese. Molto spesso dalla parte opposta dei blockbuster e sulla strada degli indie e del cinema d’autore non solo di oggi... Pochi effetti speciali e molte emozioni!