Home Rubriche Outsider L’altra Napoli: Song’e Napule – dei Manetti Bros. (2014)

L’altra Napoli: Song’e Napule – dei Manetti Bros. (2014)

Napoli. Paco Stillo è un giovane impacciato e timido che nonostante il diploma al conservatorio grazie alla raccomandazione dell’assessore Puglisi entra in polizia, dove viene inizialmente messo al deposito giudiziario. Il suo talento musicale però gli permetterà suo malgrado di entrare a far parte, come infiltrato di una delicatissima operazione anticamorra, ma soprattutto di far parte della band del cantante neomelodico Lollo Love, che spopola nella città partenopea.

L’ultimo lavoro dei Fratelli Manetti mescola in maniera impeccabile la commedia con il poliziesco, il tutto ben condito dalla musica, quella musica popolare, che oggi chiamiamo neomelodica, che ben ci accompagna durante tutto il film. E’ la musica di Lollo Love (uno straordinario Giampaolo Morelli), ma anche quella popolare napoletana, famosa in tutta Napoli, ma meno conosciuta in ambito nazionale. La musica delle feste di paese, delle comunioni, delle cerimonie: sono questi infatti i palchi dove si esibiscono Lollo e la sua band, non certo gli stadi che riempono i loro colleghi di maggior fama.

02 Song'e Napule

Attraverso la musica i Manetti ci danno una cartolina di Napoli, che nonostante come il film mostra ha il suo tallone d’Achille della Camorra, sempre spietata e crudele in quei luoghi, ha anche l’energia e la voglia di vivere di personaggi come Lollo Love, del suo gruppo, e l’entusiasmo che piano piano comincia ad entrare anche in Stillo, che inizialmente si sente fuori posto in una città in cui lui non vede nulla di pulito e legale, ma che poi, se vista col cuore possiede un fascino incredibile. Lollo Love in particolare è la dimostrazione che anche in luoghi come questi l’alternativa è sempre presente, e che molti sono i luoghi comuni da sfatare (quanti di voi al sentire “ci facciamo una pista” hanno subito pensato alla polvere magica? ).

03 Song'e Napule

Lo stesso Stillo scoprirà ad accettare e convivere e con la sua città tanto criticata, e con il suo lavoro, togliendosi la maschera che inizialmente aveva.

Buon prodotto globalmente questo Song’ e Napule, in cui i Manetti mescolano più di un genere cinematografico dimostrando di non essere bloccati su un unico genere.

Buona la scelta di dare molti dei ruoli del film a cantanti neomelodici napoletani, tanto per testimoniare ancora di più l’importanza che la musica ha in questo lungometraggio. Un film che ben ci proietta nelle luci e nelle ombre della città partenopea, ma che anche trattando argomenti crudi e spinosi, riesce sia a far riflettere che a far divertire.

Tra gli attori da segnalare anche la partecipazione di Peppe Servillo che ha composto insieme agli Avion Travel alcune delle musiche del film.
Molti degli attori inoltre sono stati presi dalla strada, tra la gente comune, così come erano soliti fare molti registi del 900’. Presenti anche alcuni camei degli stessi registi, scelta non ispirata alle fugaci apparizioni del famoso Alfred Hitchcock, ma “per risparmiare sul budget”. In tempi di crisi ci si adatta a tutto!

Da vedere!

 

Articolo precedenteIl trailer di La Casa per Bambini Speciali di Miss Peregrine
Articolo successivoSpring – un film che non parla di primavera
Il Biondo
Capo Redattore e Co-fondatore

Grande amante del cinema, e questo è scontato dirlo se sono qua :­) Appassionato da sempre del genere horror, di nicchia e non, e di film di vario genere con poca distribuzione, che molto spesso al contrario dei grandi blockbuster meriterebbero molto più spazio e considerazione; tutto ciò che proviene dalle multisale, nelle mie recensioni scordatevelo pure. Ma se amate quelle pellicole, italiane e non, che ogni anno riempono i festival di Berlino, Cannes, Venezia, Toronto, e dei festival minori, allora siete capitati nel posto giusto.

‘Rest..In..Peace’