Home recensioni avventura Jurassic World

Jurassic World

A Isla Nublar troviamo il Jurassic World, un enorme parco divertimenti di gran successo con dinosauri come attrazioni. La Masrani Corporation vuole di più e viene finanziato un progetto in cui viene generata una nuova specie di dinosauro con incroci genetici, l’Indominus Rex, che alla ferocia del T-Rex viene unita un’intelligenza mai vista prima. Cosa succederà quando l’Indominus Rex uscirà dal recinto? Spetterà al domatore di dinosauri Owen e alla responsabile delle operazioni del parco Claire a risolvere la situazione!

Sono passati ben ventidue anni da “Jurassic Park” e si vede! “Jurassic World” è figlio del 2015 e ha tutti i pregi e difetti del cinema americano contemporaneo… Nel corso del tempo è cambiato il modo di fare spettacolo e lo spettatore non si stupisce più facilmente, come i visitatori del Jurassic World!
In questo quarto capitolo troviamo sparatorie, esercito, esplosioni e la classica sequenza di cliché tradizionali nel cinema americano contemporaneo. Quello che fa la differenza è come vengono presentate tutte queste componenti!

Se l’entrata dell’onnipresente esercito può far storcere il naso il resto funziona alla perfezione! “Jurassic World” è un film che omaggia e rispetta l’originale avendo comunque la propria identità.
Notevole la regia Colin Trevorrow, al suo primo film importante, che dimostra di cavarsela con scioltezza in ogni scena!

La tensione, infatti, è palpabile e fa stare lo spettatore incollato sulla sedia per tutta la durata del film mentre le scene d’azione sono orchestrate in maniera molto convincente. C’è anche spazio all’emozione in scene come l’entrata nel parco e alla commozione per i più nostalgici. Qualche dettaglio della sceneggiatura non è per niente banale! Lo spettatore si trova catapultato nel parco e desidera essere lì, almeno fino alla fuga dell’Indominus Rex, che fa veramente paura!

Non manca niente a “Jurassic World” e potrebbe diventare un cult come lo è già il capostipite! E’ molto fracassone, ma mai pacchiano à la Bay. C’è sempre ottimo gusto nella presentazione delle vicende! Grasso che cola nella media dei blockbuster americani. Spesso si sceglie di presentare un cliché per poi illudere lo spettatore in un’altra scena simile… un ottimo compromesso!
La sublime colonna sonora di Michael Giacchino si fonde perfettamente con le scene e con le scenografie mozzafiato.

Bryce Dallas Howard incanta dalla prima scena ed è il classico personaggio che cambia nel corso del film anche se non abbandona la scarpa con il tacco. Il viaggio di una donna precisissima che impara a sopravvivere e a tirare fuori gli attributi nel momento del pericolo, specialmente quando la propria famiglia si trova in pericolo. Chris Pratt interpreta ancora il maschio alpha rozzo e ironico e, come era convincente nel bellissimo “I guardiani della galassi”, lo è anche qui.. Speriamo non venga imprigionato da Hollywood in questo tipo di personaggio. Sempre più lanciato nei blockbuster americani il francese Omar Sy di “Quasi Amici”!

Concludendo “Jurassic World” è un ottimo film di intrattenimento figlio di quest’epoca cinematografica ben lontana dall’originale, ma comunque emozionante, elettrizzante, eccitante e graffiante.

VOTI FINALI
voto
Articolo precedenteDavid Di Donatello 2015 : Tra molte anime nere, spicca un giovane favoloso.
Articolo successivoEden Lake
GianDrewe
Redattore e Co-fondatore

Attore, cantante lirico, insegnante e... cinefilo! Amo il cinema in ogni suo genere con un'adorazione particolare per il cinema europeo specialmente britannico, visto che sono un sostenitore della scuola inglese. Molto spesso dalla parte opposta dei blockbuster e sulla strada degli indie e del cinema d’autore non solo di oggi... Pochi effetti speciali e molte emozioni!