Home news Joker: Joaquin Phoenix: “Perdere peso determinante per il ruolo, a rischio di...

Joker: Joaquin Phoenix: “Perdere peso determinante per il ruolo, a rischio di impazzire””

Tra le prove a cui si è sottoposto Joaquin Phoenix per il ruolo del Joker nell’omonimo film di Todd Phillips, si è parlato della perdita di peso, sul quale l’attore ha rivelato ulteriori dettagli.

Come riportato nelle ultime settimane Joaquin Phoenix avrebbe perso circa 23kg per il Joker e per raggiungere la fisicità adatta per il ruolo, un’impresa che ha richiesto un enorme sacrificio.
Secondo quanto dichiarato dall’attore il processo di perdita di peso è stato d’importanza vitale per lavorare sul personaggio.
Nel corso della conferenza stampa alla Mostra del Cinema di Venezia, la perdita di peso è stata la parte della preparazione che lo ha aiutato davvero a capire il personaggio:

“La prima cosa è stata la perdita di peso, è proprio la prima cosa che ho iniziato. A quanto pare questo ha un impatto sulla tua psicologia e inizi davvero ad impazzire quando perdi così tanto peso in quel lasso di tempo.
C’è anche un libro sugli assassini politici che pensavo fosse interessante e suddivide i diversi tipi di personalità che fanno questo genere di cose che faccio nel film”
.

Un processo di trasformazione non proprio piacevole ma con un risultato finale ottimo, considerati i riscontri positivi che stanno arrivando in queste ore dalla kermesse lagunare.

In Joker, Joaquin Phoenix interpreta un comico fallito, Arthur Fleck, che vive con sua madre in vecchio appartamento di Gotham City. Deriso e umiliato dalla società, Arthur si trasforma lentamente nel pazzoide Joker, storica nemesi di Batman.

Articolo precedenteNetflix sta valutando di mettere da parte il binge watching
Articolo successivoObsessio di Giovanni Marzagalli- La recensione
Il Biondo
Capo Redattore e Co-fondatore

Grande amante del cinema, e questo è scontato dirlo se sono qua :­) Appassionato da sempre del genere horror, di nicchia e non, e di film di vario genere con poca distribuzione, che molto spesso al contrario dei grandi blockbuster meriterebbero molto più spazio e considerazione; tutto ciò che proviene dalle multisale, nelle mie recensioni scordatevelo pure. Ma se amate quelle pellicole, italiane e non, che ogni anno riempono i festival di Berlino, Cannes, Venezia, Toronto, e dei festival minori, allora siete capitati nel posto giusto.

‘Rest..In..Peace’