Home Serie tv Inside No.9 – Stagioni 1,2

Inside No.9 – Stagioni 1,2

insideno9

Inside No.9 è una serie antologica, costituita da singoli episodi ciascuno, one-shot di 30 minuti aventi le seguenti cose in comune:

  • Ogni episodio è ambiento a un civico numero 9;
  • Ogni episodio vede gli ideatori Pemberton, Shearsmith nella parte di personaggi completamente differenti per genere, periodo storico, contesto
  • Ogni episodio ha un ribaltamento della situazione, twist, anticlimax da mascella a terra.

E’ quantomeno complicato dire altro su Inside No.9, se non spendendo altre parole buone: ogni episodio è un piccolo capolavoro per scrittura, dialoghi; alla peggio diverte e intrattiene con intelligenza, alla meglio è un indimenticabile trattato su come togliere il fiato in 30 minuti e con un bidget irrisorio

insideno9 (1)
Questo vi farà riflettere ore dopo la visione

Probabilmente The 12 Days of Christine é il punto più alto a livello di emozionalità; dal punto di vista tecnico, invece, sono impressionanti A quiet night in, girato con circa una dozzina di parole in tutto l’episodio; per non parlare di Cold Comfort, episodio agghiacciante della stagione 2 totalmente ripreso con webcam e telecamere a circuito chiuso. Se pensate non si possa restare di sasso con una vicenda completamente girata in interni di ufficio, vi ricrederete!

Un altro aspetto senz’altro piacevole di Inside No.9 è come i due autori siano stati capaci di spaziare così efficacemente nei generi, e in modo mai banale; ne sono un perfetto esempio i titoli a sfondo horror, la chiusa di entrambe le stagioni: The Harrowing è quasi accademico, pur con note di humor deliziose; Seance Time cambia velocemente nota, sorprendendoci più volte.

Come avrete capito, Inside No.9 è davvero imperdibile, e non recuperarlo sarebbe un peccato capitale!

Articolo precedenteBatmanVSuperman – Recensione Anteprima SPOILER FREE
Articolo successivo“Salvo” – di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza (2013)
Dr.Gabe
Direttore e Fondatore

Il lavoro e la vecchiaia incombono, ma da quando ho memoria mi spacco di film di fantascienza, dove viaggio di testa fino a perdermi, e salto in piedi sul divano per dei tizi che si menano o sparano alla gente come fossero birilli. Addolorato dalla piaga del PG­13, non ho più i nervi per gli horror: quelli li lascio al collega, io sono il vostro uomo per scifi, azione e film di pistolotti metacinema/mental/cose di finali tripli.