Home recensioni avventura Il racconto dei racconti – Tale of Tales

Il racconto dei racconti – Tale of Tales

Una regina non riesce a sorridere perché non riesce ad avere un bambino, due signore anziane attirano l’attenzione di un re affamato di sesso, un sovrano organizza un torneo per trovare il marito della figlia. Sono queste le storie che si snodano in questo, giustamente, acclamato film di Matteo Garrone.

Il regista romano presenta liberamente tre dei cinquanta racconti della raccolta di fiabe più antica di Europa “Lo cunto de li cunti” scritta da Giambattista Basile fra il 1500 e 1600 e lo fa nel migliore dei modi immaginabile!

“Il racconto dei racconti – Tale of Tales” è un fantasy d’autore molto ambizioso, ma per nulla ruffiano! Visivamente superbo è diretto in maniera eccellente da Matteo Garrone che non si auto compiace del proprio enorme talento. Le scenografie sono splendide, tutte in territorio italiano… Un’enorme dichiarazione d’amore all’Italia!
In un mondo di green screen ed effetti speciali è meraviglioso vedere delle location naturali! Grandioso lavoro!

download

Si gioca molto sul contrasto di colori e visivamente è di una bellezza sconcertante!
La storia dei sovrani interpretati da Salma Hayek e John C. Reilly inizia in quarta a differenza degli altri… Nella seconda parte la situazione si capovolge!

Alexandre Desplat compone una colonna sonora sublime confermandosi uno dei compositori più grandi per il cinema! Il cast è buono e può risultare la componente meno eccellente di questa opera d’arte: se Toby Jones ci regala un’ottima performance insieme a John C. Reilly che lascia il segno anche se presente per pochi minuti, troviamo una Salma Hayek bravina ma che non brilla insieme a Vincent Cassel prigioniero del personaggio da bad man. Da non sottovalutare la bravissima Shirley Henderson famosa ai molti per aver interpretato la ragazza Mirtilla Malcontenta nella saga di “Harry Potter” (era 35enne all’epoca delle riprese), qui nei panni dell’anziana Imma. Attrice estremamente camaleontica! Promette belle cose la brava e bella Stacy Martin, che dopo aver debuttato come giovane Charlotte Gainsbourg in “Nymphomaniac” di Lars Von Trier dimostra di essere un’interprete duttile.

“Il racconto dei racconti – Tale of Tales” non si dimentica facilmente.. Diverse scene rimangono incastonate nella mente come quella del re sul fondo del lago marino con il drago! Un’opera d’arte dichiarazione d’amore alla settima arte, ma anche all’Italia.
Siete ancora convinti che il cinema italiano sia morto? Incrocio l’incrociabile per l’award season!

VOTI FINALI
voto
Articolo precedenteMad Max: Fury Road
Articolo successivoHoly Motors – di Leos Carax (2012)
GianDrewe
Redattore e Co-fondatore

Attore, cantante lirico, insegnante e... cinefilo! Amo il cinema in ogni suo genere con un'adorazione particolare per il cinema europeo specialmente britannico, visto che sono un sostenitore della scuola inglese. Molto spesso dalla parte opposta dei blockbuster e sulla strada degli indie e del cinema d’autore non solo di oggi... Pochi effetti speciali e molte emozioni!