Home Rubriche Outsider Il cinema salva la vita: Argo – di Ben Affleck

Il cinema salva la vita: Argo – di Ben Affleck

BEN AFFLECK as Tony Mendez in “ARGO,” a presentation of Warner Bros. Pictures in association with GK Films, to be distributed by Warner Bros. Pictures.

Iran. Durante la rivoluzione del 1979 che vide il ritorno in patria di Khomeyni, un gruppo di militanti fa irruzione nell’ambasciata americana a Teheran, seminando il caos e tenendo 52 persone in ostaggio. Sei di loro però riescono a fuggire e a trovare rifugio nell’ambasciata canadese. Di lì a poco, il lavoro congiunto dei governi di Canada e Stati Uniti nell’escogitare un ingegnoso piano, permetterà ai fuggitivi di tornare in patria sani e salvi.

Dopo Gone baby gone e The Town , Ben Affleck torna dietro la macchina da presa per raccontarci una storia vera accaduta durante la rivoluzione iraniana degli anni 70’, e lo fa con Argo nome di una pellicola cinematografica fantoccio creata dalla CIA per liberare i sei rifugiati e riportarli al loro paese natio.  Il finto lungometraggio così creato, non a caso, è a tema fantascientifico (proprio in quegli anni infatti erano film come “Guerre stellari” e “Il pianeta delle scimmie” a spopolare ad Hollywood), e quale paese meglio dello sconosciuto Iran poteva fare da sfondo ad un’opera simile.

02

In questo film Affleck ci mostra di non avere talento solo davanti alla cinepresa, ma forse anche dietro e l’ottimo livello del suo lavoro si vede lungo tutte le 2 ore del lungometraggio, in cui il regista mette bene in evidenza l’anima del cinema politico, quello della commedia hollywoodiana degli anni 70’ e l’anima drammatica che accompagna tutta la vicenda in questione. Affleck non si prende affatto le luci della ribalta con il suo personaggio ma rimane in disparte, facendo si che la storia narrata e il film stesso siano gli  unici elementi che lo spettatore deve ammirare e ricordare.

Un film molto buono, godibile, con un buon ritmo, e che ha avuto anche un meritato successo internazionale. La pellicola infatti presentata in anteprima al “Toronto Film Festival” , ha vinto 3 Premi Oscar (Sceneggiatura non originale, film, e montaggio), 2 Golden Globes e 3 premi BAFTA, incassando con 232 milioni di dollari, molto di più dei “soli” 44.5 spesi per la produzione.

Articolo precedenteAssassin’s Creed: il secondo trailer italiano
Articolo successivoHallowen è alle porte: Vincent, di Tim Burton
Il Biondo
Capo Redattore e Co-fondatore

Grande amante del cinema, e questo è scontato dirlo se sono qua :­) Appassionato da sempre del genere horror, di nicchia e non, e di film di vario genere con poca distribuzione, che molto spesso al contrario dei grandi blockbuster meriterebbero molto più spazio e considerazione; tutto ciò che proviene dalle multisale, nelle mie recensioni scordatevelo pure. Ma se amate quelle pellicole, italiane e non, che ogni anno riempono i festival di Berlino, Cannes, Venezia, Toronto, e dei festival minori, allora siete capitati nel posto giusto.

‘Rest..In..Peace’