Margot Robbie Harley Quinn

Se la notizia venisse confermata sarebbe qualcosa di inaspettato: Warner/DC sta pensando ad una sorta di spin-off su Harley Quinn, personaggio interpretato da Margot Robbie che vedremo tra pochi mesi in Suicide Squad, di David Ayer.

Stando ad Hollywood Reporter non sarà però un film solo sull’ex psichiatra ma potrebbe riunire diversi personaggi femminili del mondo DC come Batgirl, Poison Ivy, Katana (anche lei presente in Suicide Squad) e Bumblebee.
La Robbie, secondo le fonti, dopo aver ottenuto la parte è rimasta affascinata dalle storie dei fumetti DC tanto da proporre l’idea di questo progetto del quale potrebbe essere anche produttrice.

L’attrice ha parlato del suo personaggio alla rivista Vogue, che le ha dedicato la cover di giugno, anche in vista dell’imminente uscita di The Legend of Tarzan di cui è protagonista. Una cosa su tutte rende interessantissima Harley Queen: “Lei non ha nemmeno dei superpoteri. È solo una psicopatica che va allegramente in giro ad ammazzare delle persone. Prova gioia nel causare distruzione, e questo la rende accattivante e  divertente da guardare“.

Vi lasciamo con la bellissima gallery promozionale per The Legend of Tarzan con le foto tratte da Vogue in cui sono protagonisti Margot Robbie e Alexander Skarsgård.

The Legend of Tarzan uscirà nei nostri cinema il prossimo 14 luglio mentre Suicide Squad il 18 agosto.

Fonte: Vogue e THR

Articolo precedenteIl ritorno dei Fratelli : Il trailer della nuova stagione di “Prison Break”
Articolo successivoVia il forestiero: Il vento fa il suo giro (2005)
Fara
Redattore

- Il cinema per me è come un goal alla Del Piero, qualcosa che ti entra dentro all'improvviso e che ti coinvolge totalmente. È una passione divorante, un amore che non conosce fine, sempre da esplorare. Lo respiro tutto o quasi: dai film commerciali a quelli definiti banalmente autoriali, impegnati, indipendenti. Mi distinguo per una marcata inclinazione al dramma, colpa del Bruce Wayne in me da sempre. Qualche gargamella italiano un tempo disse che di cultura non si mangia, la mia missione è smentire questi sciacalli, nel frattempo mi cibo attraverso il cinema, zucchero dolce e amaro dell'esistenza -