Home Rubriche Guido e Antonia, una cosa sola : Tutti i santi giorni (2012)

Guido e Antonia, una cosa sola : Tutti i santi giorni (2012)

Tra i vari film da ricordare di Paolo Virzì c’è sicuramente Tutti i Santi giorni, la storia di due ragazzi qualunque, Guido e Antonia, che provano a trovare il loro posto nel mondo, nel lavoro, nella vita, e come coppia.


Portiere di notte in un albergo di lusso, laureato in lingue antiche e appassionato delle vite dei Santi lui, commessa in un autonoleggio ma con la passione del canto lei.
Timido, composto, e molto colto Guido, estroversa e irrequieta Antonia.
E’ proprio la quasi totale differenza di carattere e di stili di vita però che li fa essere così uniti, anche quando cercano in tutti i modi, ma proprio tutti, di avere un bambino.
E anche nelle difficoltà della vita, Antonia e Guido marciano sempre insieme, e ogni mattina, in uno dei pochi momenti della giornata in cui i due possono stare insieme, Guido porta la colazione a letto ad Antonia, e le racconta la vita del Santo del giorno, sempre, o meglio……Tutti i santi giorni.


Non può assolutamente mancare nella vostra videoteca personale l’opera di Paolo Virzì con un già bravissimo Luca Marinelli, e l’allora debuttante, in arte “Thony” ( scoperta su Myspace e autrice dell’intera colonna sonora del film).
Nel film ci viene presentata una Roma a due facce.
Quella ricca e lussuosa  dell’hotel dove lavora Guido e di un luminare che li assiste nel loro desiderio di diventare genitori, e quella più popolare rappresentata del quartiere dove i due abitano e da certi personaggi che fanno capolino durante il film.
Film che riesce a trattare temi importanti come il precariato e la ricerca di una gravidanza che non arriva, mescolandone all’interno momenti di buona comicità (fortissima la citazione “Il ginecologo del Papa” ).


Un reale spaccato della vita di due giovani di oggi.
Per il film anche il David di Donatello per Miglior Canzone  e le varie nomination ai Nastri D’argento, Globo d’oro e Ciak D’oro.

Articolo precedenteMenare la mani sin dalla più tenera età: Hanna
Articolo successivoPermanent Vacation – A spasso con Jim Jarmusch
Il Biondo
Capo Redattore e Co-fondatore

Grande amante del cinema, e questo è scontato dirlo se sono qua :­) Appassionato da sempre del genere horror, di nicchia e non, e di film di vario genere con poca distribuzione, che molto spesso al contrario dei grandi blockbuster meriterebbero molto più spazio e considerazione; tutto ciò che proviene dalle multisale, nelle mie recensioni scordatevelo pure. Ma se amate quelle pellicole, italiane e non, che ogni anno riempono i festival di Berlino, Cannes, Venezia, Toronto, e dei festival minori, allora siete capitati nel posto giusto.

‘Rest..In..Peace’