Home Rubriche GORCHLACH: THE LEGEND OF CORDELIA, la serie tv di Fabio Cento!

GORCHLACH: THE LEGEND OF CORDELIA, la serie tv di Fabio Cento!

Il giovane archeologo e ricercatore Guglielmo Corsaris fin da bambino ha sviluppato un interesse morboso per una “leggenda metropolitana” relativa ad una mitica e antica città celtica, Cordelia. Durante degli scavi rinviene un corpo mummificato e un diario. Ciò potrebbe diventare utile per trovare la famosa città di Cordelia…

“Gorchlach: the legend of Cordelia” è un progetto nato, 4 anni fa, come una web serie, ma poi trasformato in una serie tv. Noi di Jamovie abbiamo visto per voi l’episodio pilota, di 40 minuti circa. La serie tv del regista valdostano Fabio Cento comprende ben 6 episodi.

La sceneggiatura di tutti gli episodi è già stata scritta, ed è opera di Andrea Borini, Roberto Tomeo e Vincenzo Costanza. Finora però è stato girato solo il pilot. Il genere nel quale si può incasellare “Gorchlach” è quello del fantasy storico e avventuroso. L’ambientazione temporale è molto varia. La storia si svolge in svariate epoche del Medioevo, ma molto anche nel presente. Riguardo il “presente”, la storia ci narra le vicende del protagonista, Guglielmo, sia quando era un bimbo che in età adulta.

La sceneggiatura mischia sapientemente realtà storiche (Cordelia pare sia esistita davvero) a finzioni fantasy. Un ottimo mix, ben dosato, per una storia piena di personaggi, di dettagli e sfumature. “Gorchlach” si ispira palesemente alla saga cinematografica de “Il signore degli anelli”.

L’amuleto pagano infatti non può non ricordare l’anello di Frodo. Altra grande fonte di ispirazione è la saga di Indiana Jones. A rimarcare la cosa ci pensa la suoneria del cellulare del protagonista, Guglielmo, che non è altro che il jingle dei leggendari film di Steven Spielberg. Ma “Grochlach” omaggia spudoratamente anche “La storia infinita” (il nonno che narra la leggenda di Cordelia a Guglielmo bambino).

Pur non avendo a disposizione un budget adeguato, Cento si è attorniato di validi professionisti in ogni comparto tecnico. Il risultato, pensando ai canoni dell’indie italiano, è stato più che positivo. Anzi, per certi versi un qualcosa di stupefacente. Gli attori sono tutti ben calibrati e in parte (alcuni doppiati professionalmente).

Non solo i protagonisti sono all’altezza, ma anche i personaggi secondari e le comparse. Regia, fotografia, costumi, effetti speciali e montaggio fanno pensare, più che ad un progetto indie, ad un qualcosa di professionale e con un certo budget dietro. La storia e i personaggi hanno, pur trattandosi di un semplice film avventuroso, una certa complessità, difficile da trovare in progetti simili. L’episodio pilota fa ben sperare, e fa già venire voglia di vedere la seconda puntata. Altra cosa rara quando si parla di web serie e serie tv italiane. “Gorchlach” è una vera boccata d’aria nell’asfittico panorama indie nostrano. Promosso a pieni voti!

Articolo precedenteVictoria – La recensione
Articolo successivoBig Little Lies AKA Piccola grande serie
Max Payne
Redattore

Cinefilo incallito fin dalla tenera eta', collezionista di film e organizzatore di eventi di cinema e musica. ha organizzato 4 edizioni della "splatter holocaust night", festival di musica metal e corti horror; decine di concerti rock, punk e metal. Appassionato soprattutto di horror estremo, ma anche di film d'autore europei e della buona fantascienza; ha un debole per gli spaghetti western.