Home Rubriche Oriente Il gatto nero Rudolf e la felicità

Il gatto nero Rudolf e la felicità

Rudolf - Alla ricerca della felicità narra le vicende di un gattino nero che crede di sapere tutto. Ci sarà, invece, molto da imparare.

Rudolf e la felicità

Siamo a Gizu, una cittadina del Giappone lontana da Tokyo di parecchi chilometri. Rudolf è un cucciolo di gatto che, come i giovani uomini, si sente grande e “arrivato”, crede di sapere tutto della vita e di conoscere il mondo. Indispettito perché la sua amata padroncina non lo lascia uscire fuori casa, il piccolo Rudolf decide di fare da sé e varcare il confine del proprio giardino.

In brevissimo tempo, il nostro gatto nero si è già perso per le strade di Gizu e, salendo su un camion, finisce nella capitale del Giappone. Ormai la distanza è troppo grande per tornare a casa con le proprie zampe: a Rudolf non resta che imparare la dura vita da gatto randagio. Ma il piccolo gatto casalingo non durerebbe a lungo se non venisse preso sotto l’ala protettiva di Tigre, gatto-capo del quartiere.

Tigre non solo insegnerà al cucciolo a cavarsela nel mondo “là fuori”, ma avrà un ruolo di vero e proprio maestro. Gli dimostrerà l’importanza della cultura (leggere e scrivere è essenziale persino per un gatto, se vuole sopravvivere!), dell’aiutare in modo disinteressato i propri amici e del sognare in grande, anche più di quanto ci si potrebbe permettere.

Il motto di Tigre diventerà anche quello del nostro piccolo amico: «Non devi mai arrenderti, solo i perdenti rinunciano».

Rudolf e il suo amico Bucci scoprono la lettura

Cresce Rudolf o lo spettatore?

Un percorso di formazione in piena regola per lo spavaldo, ma in fondo timoroso, micio. Con l’avanzare del tempo, Rudolf diventerà sì coraggioso ma anche più consapevole di sé e di come funzionano “le cose del mondo”. L’intento pedagogico è chiaro, ma la storia non risulta mai banale o pedante. In alcuni momenti, è persino commovente.

La sceneggiatura è stata tratta dal libro per bambini più venduto in Giappone, Rudorufu to Ippaiattena, scritto da Hiroshi Saitô e Hanmo Sugiura. Anche la trasposizione cinematografica ha riscosso un grande successo in patria, classificandosi al quinto posto del botteghino durante il suo debutto.

La storia non mi interessa: vale la pena guardarlo lo stesso?

Dal punto di vista tecnico, le città sono realizzate fin nei più piccoli dettagli, dando così l’impressione di grande realismo, il pelo degli animali che si muove imita alla perfezione quello di veri esseri animati e la soggettiva iniziale (da non perdere!) dimostra grandi capacità registiche.

Ci sentiamo di consigliare Rudolf – Alla ricerca della felicità a bambini e ad adulti, sia amanti degli anime sia non. Esso è stato infatti realizzato da Kunihiko Yuyama (direttore generale dei Pokémon) e Motonori Sakakibara (direttore di Final Fantasy: The Spirits Within), due che di certo non sono alla loro prima esperienza nel campo.

Tiriamo le fila

Una storia sul diventare grandi, sul perdersi per trovare il vero sé, sull’importanza della cultura e delle amicizie, sul non guardare all’apparenza. Un finale dolce-amaro, che forse non ci aspetteremmo.

Rudolf diventa “grande” e trova la propria felicità

Alla fine, viene spontaneo chiedersi in che cosa consista la felicità per ognuno. Tornare a casa, al sicuro, dove siamo protetti da chi ci vuole bene? O, forse, imparare a conoscerci e realizzare il destino che siamo portati a compiere?

Ne voglio sapere di più su Rudof e i suoi amici!

Per i più curiosi o se, dopo la visione, ci fossimo affezionati ai personaggi di questa storia, esiste anche un sito ufficiale (in giapponese) tutto dedicato al gatto nero Rudolf: http://rudolf-ippaiattena.com/.

Articolo precedenteDavid Dastmalchian sarà il villain del reboot di Dune
Articolo successivoTrue Detective 3X07 – La recensione
CinEmy
Quando avevo sei anni e la maestra mi fece la classica domanda: "E tu, da grande, cosa vuoi fare?", la mia risposta fu, con tutto l'entusiasmo che avevo in me, "cinema, ovviamente!". Due minuti dopo scoprii, con mia grande delusione, che "cinema" non veniva considerato dagli adulti qualcosa che io potessi fare. E nemmeno un hobby troppo serio, a dirla tutta. Proprio per dimostrare il contrario (o forse per confortare la tesi della non serietà?) oggi sono qui, a scrivere per JAMovie. Che film prediligo? Non disdegno nulla, ma in particolare sono quella che scrive di film sconosciuti a tutti, a volte persino ai registi stessi, che pensavano di aver girato una pubblicità di biscotti e invece io ritrovo nel loro lavoro una riflessione sull'unità familiare nel meraviglioso momento del risveglio del XXI secolo. Le pubblicità, però, le lascio volentieri a qualcun altro. Qui mi occupo di film outsider, recensioni e approfondimenti. Tutti per voi!