Home recensioni animazione Frozen – Il Regno di Ghiaccio

Frozen – Il Regno di Ghiaccio

Nel regno di Arendelle vivono due sorelle molto unite fino a quando il magico potere di comandare neve e ghiaccio della maggiore, Elsa, ferisce la minore Anna. I genitori decidono di separare le due e rimangono lontane per anni, separate da una porta, fino a quando Elsa viene incoronata come regina. Ancora una volta la ragazza non riesce a tenere nascosto il proprio potere e fa piombare l’intero regno in un inverno. Sarà Anna, aiutata dal virile Kristoff con la sua amica renna Sven, a cercare di salvare la situazione.

Erano anni che la Disney non portava a casa un successo così grande. Nel corso di questi mesi si è parlato molto di questo film d’animazione: è un capolavoro o una boiata? Merita tutto questo successo? Assolutamente sì!
Sicuramente è classificabile come grande classico Disney al pari di “La bella e la bestia” o “La sirenetta”! C’è magia, avventura, emozione, divertimento, tensione e l’immancabile amore. Cosa possiamo desiderare di più?

Riguardo quest’ultima componente troviamo la prima grande differenza con il resto dei classici Disney: basta romanticismi! Non c’è niente di più prezioso dell’amore tra sorelle.
“Frozen – Il Regno di Ghiaccio” merita di essere considerato un classico Disney soprattutto perché sfata ogni luogo comune immancabile in ogni film d’animazione della major: un esempio? Il bacio del vero amore non esiste.
All’inizio può sembrare cinica come scelta narrativa, ma visti i risvolti non poteva essere altrimenti. I bimbi vengono educati all’amore vero… quello che si costruisce giorno dopo giorno, esperienza dopo esperienza, conoscendosi con l’altro.

Le due sorelle sono, prevedibilmente, agli antipodi! Se dalla parte di Anna troviamo la classica principessa Disney sognatrice, canterina e avventurosa quando deve, in Elsa è racchiuso un Mondo. Possiamo definirlo il personaggio più complesso dell’Universo Disney!
E’ una ragazza che non riesce ad accettare i propri poteri! Ma perché? I suoi genitori, anche se le vogliono bene, le hanno insegnato a nascondere la cosa come se fosse un problema, una maledizione. Nel fuggire, nella desolazione, trova sé stessa e capisce che tutto questo è un grande dono! Finalmente impara a convivere… La celebre “Let it Go” è un meraviglioso inno all’accettazione, al volersi bene, all’amarsi! E’ l’outing di Elsa che finalmente riesce a vivere bene con il proprio potere.

Questo personaggio rappresenta alla perfezione l’emarginata della società, come può essere nel mondo “reale” l’omosessuale.
“Frozen – Il Regno di Ghiaccio” tratta in maniera eccellente il tema dell’accettazione, molto meglio di tanti altri film a tematica.

La componente comica è Olaf, l’aiutante che unisce le due sorelle, che tra una battuta e l’altra sempre riuscitissima scopriamo anche lui con un sogno: poter vivere in estate! Ama il caldo, ma non può visto che la neve non va molto d’accordo con il sole! Trovata decisamente geniale!

Kristoff, invece, è l’esatto opposto del principe azzurro: rustico, per niente romantico, pratico, ma molto affettuoso. Una persona con i piedi per terra che sa come si sta al Mondo a differenza del classico principino passivo con il capello e il vestitino perfetti!

La colonna sonora è eccellente! Non solo le canzoni che rispettano le celebri sonorità tipiche Disney, ma anche i pezzi strumentali molto epici che sembrano usciti da un fantasy à la “Il signore degli anelli”. Vedetevi la scena dell’attacco al castello di ghiaccio per farvi un’idea! La regia purtroppo non è niente di eccezionale anche se è molto cinematografica… Certe scene, pero’, sono presentate in maniera divina come gli ultimi minuti tra la bufera! Indimenticabile!

Il doppiaggio italiano è assolutamente dignitoso! Se sorprende Enrico Brignano in Olaf, ci conquista l’eccellente Serena Rossi sia nel recitato che nel cantato nel dare corpo ad Anna. Decisamente migliore della doppiatrice originale Kristen Bell (Veronica Mars).
Si trova in posizione scomodissima Serena Autieri che deve sostenere sulle spalle la difficile parte di Elsa interpretata da Idina Menzel in lingua originale… Non convince al 100%!

L’animazione può non piacere, ma non poteva essere altrimenti! Un film molto difficile da realizzare con tutto quel ghiaccio… Dettagli meravigliosi che si notano sui grandi schermi!
Grande difetto le traduzioni italiane delle canzoni che spesso fanno perdere smalto alle composizioni, rendendo tutto più infantile.

“Frozen – Il Regno di Ghiaccio” è decisamente riuscito sotto ogni punto di vista. Un classico Disney innovativo ed emozionante!
Un grandissimo inno all’amicizia, all’amore non solo per la propria famiglia, ma anche per se stessi! Molto profondo e meno banale di quello che può sembrare sulla superficie.

Scavate sotto lo strato di neve e troverete un Universo meraviglioso in questa opera d’arte!

VOTI FINALI
voto
Articolo precedenteThe Book of life
Articolo successivoLe regole del caos
GianDrewe
Redattore e Co-fondatore

Attore, cantante lirico, insegnante e... cinefilo! Amo il cinema in ogni suo genere con un'adorazione particolare per il cinema europeo specialmente britannico, visto che sono un sostenitore della scuola inglese. Molto spesso dalla parte opposta dei blockbuster e sulla strada degli indie e del cinema d’autore non solo di oggi... Pochi effetti speciali e molte emozioni!