Home Rubriche Outsider Foxcatcher – Una storia americana

Foxcatcher – Una storia americana

foxcatcher

Adattamento della biografia del wrestler Mark Shultz, campione olimpico con il fratello David alle olimpiadi di Los Angeles 1984, Foxcatcher (terzo film di Bennet MillerTruman Capote A sangue freddo, Moneyball-) è la storia circa il rapporto tra un ricchissimo repubblicano iperconservatore e amante delle armi, John Du Pont con i due fratelli campioni di lotta.

Un giorno quando Mark viene invitato dall’eccentrico uomo a trasferirsi nella sua lussuosa e sconfinata tenuta per mettere su una scuola di lotta in vista delle olimpiadi di Seul 1988, accetta, un po’ per l’ingente somma di denaro offertagli, un’po’ per uscire dall’ingombrante ombra del carismatico fratello maggiore. L’invito del miliardario nasconde però un’attrazione morbosa nei confronti di Mark che, senza la guida del fratello, comincia inevitabilmente a smarrirsi. Quando i soldi di Du Pont, faranno venire nella tenuta anche David, qualcosa nell’animo del vanitoso miliardario si rompe fino al tragico epilogo.

foxcatcher

Foxcatcher è l’ideale incontro tra Truman Capote-A sangue freddo e Moneyball. Dal secondo prende ovviamente il tema centrale, quello dello sport, il rispecchiarsi della cultura americana all’interno di vicende sportive. Dal primo prende invece le atmosfere, molto più cupe e gelide di Moneyball.

L’andamento lento, dilatato fino all’inverosimile, fatto di molti silenzi e pause, fa si che si respiri per quasi tutta la sue durata quell’aria di disagio, che tocca il culmine nel rapporto inquietante e morboso tra Du Pont e Mark, a cui il miliardario cerca di fare il lavaggio del cervello, “Sei più del fratello di Dave” gli dice più volte. David che rappresenta l’unica vera figura positiva del film, integro ma mai ingenuo, disposto a compromessi ma senza mai perdere di vista i suoi reali valori.

Candidato lo scorso anno a ben 5 Premi Oscar Foxcatcher è un film di attori: dalla recitazione fisica di Channing Tatum (bravo a sfruttare il suo corpo) a Mark Ruffalo, ma è Steve Carell a sorprendere tutti nei panni di John Du Pont. Truccato quasi in maniera irriconoscibile, dalla parlata lenta e sbiasciata, la sua interpretazione inquieta e fa venire i brividi lungo la schiena. La prova di un talento non solo comico ma anche drammatico, più volte ingiustamente sottovalutato e La Grande Scommessa ne è stata solamente l’ultima conferma.

Articolo precedenteQuando Wrestling e Cinema si fondono : “CINEMANIA”
Articolo successivoUnder my skin, niente
Zeno
Redattore e Co-fondatore

Cresciuto a massicce dosi di cinema, fin da giovane età veniva costretto dal padre a maratone e maratone di Spaghetti-Western. Leggenda narra che la prima frase di senso compiuto che uscì dalla sua bocca fu: “Ehi, Biondo, lo sai di chi sei figlio tu? Sei figlio di una grandissima……” Con il passare del tempo si è evoluto a quello che è oggi: un cinefilo onnivoro appassionato di cinema in ogni sua forma che sia d’intrattenimento, d’autore o l’indie più estremo. Conteso da “Empire”, “The Hollywood Reporter”, “Rolling Stone”, ha scelto Jamovie perché, semplicemente, il migliore tra tutti.