Home Serie tv Fear The Walking Dead 4 (Midseason) – Recensione

Fear The Walking Dead 4 (Midseason) – Recensione

Inaspettato.
Non c’è parola migliore forse che possa descrivere questa prima parte della quarta stagione di Fear The Walking Dead.

Come per la sua serie madre c’era già da tempo quella sensazione di non saper più di cosa parlare, o del non saper cosa proporre per tenere in alto l’hype verso la serie.
Ma c’è una ragione, anzi forse tre, per la quale con queste prime otto puntate l’interesse verso questo prodotto può tornare a salire.
Vediamole:

L’arrivo di Morgan 

Morgan e Althea

Era atteso, e sapevamo che fosse proprio lui il personaggio chiave.
Morgan Jones (Lennie James) è passato dal gruppo di Rick Grimes a quello di Madison Clark.
Il suo percorso interiore aveva bisogno di oltrepassare quello che era l’universo di The Walking Dead ed ecco così il passaggio da una serie all’altra.
Per poter maturare ancora di più, per poter vedere come il suo percorso personale andarà avanti.
Morgan entra subito in contatto con quelli che sono i personaggi principali di Fear The Walking Dead e ci accorgeremo subito dell’impatto di lui sul gruppo e viceversa.

Nuovi che arrivano, vecchi che se ne vanno 

Naomi e John

Sulla seconda parte del titolo non aggiungiamo altro per svelare più di quanto già non abbiamo detto, ma tenetevi forte, perchè il plurale non è messo li a caso.
Per quanto riguarda i nuovi arrivi, parliamo di tre personaggi fondamentali che si apprestano a rendere ancora più interessante il prosieguo della quarta stagione che arriverà in Italia probabilmente a inizio Settembre.
Stiamo parlando del simpatico cowboy John (Garret Dillahunt), che stringerà un forte legame di amicizia con Morgan e soprattutto con Naomi (Jenna Elfman), ex infermiera e donna a cui è molto difficile dar fiducia e secondo personaggio del trio.
Terza ed ultima è Althea (Maggie Grace), la giornalista, una donna che sa il fatto suo ed ha un obiettivo alquanto sorprendente da raggiungere durante l’epidemia zombie.
Tre nuovi personaggi che movimenteranno le dinamiche del gruppo di veterani e soprattutto le vicende di questa quarta stagione.

La struttura narrativa delle puntate  

Ottima la scelta di partire in media res, e di dar vita poi ad un parallelismo tra il prima e il dopo, per poi arrivare all’attualità e sciogliere ogni dubbio e questione nelle ultime puntate.
Non c’era forse una struttura più adeguata di questa per tenere l’attesa sempre alta di puntata in puntata.

Otto puntate che si lasciano guardare e che rinvigoriscono sicuramente una serie che rischiava di diventare noiosa e banale.

E non dimenticate che poi ci sono loro……
Dopo Lupi e Salvatori, ecco a voi…….. gli Avvoltoi.

Mel, il leader degli Avvoltoi
Articolo precedenteThe Lesson – Scuola di vita
Articolo successivoOnce Upon A Time in Hollywood: prima foto ufficiale dal set!
Il Biondo
Capo Redattore e Co-fondatore

Grande amante del cinema, e questo è scontato dirlo se sono qua :­) Appassionato da sempre del genere horror, di nicchia e non, e di film di vario genere con poca distribuzione, che molto spesso al contrario dei grandi blockbuster meriterebbero molto più spazio e considerazione; tutto ciò che proviene dalle multisale, nelle mie recensioni scordatevelo pure. Ma se amate quelle pellicole, italiane e non, che ogni anno riempono i festival di Berlino, Cannes, Venezia, Toronto, e dei festival minori, allora siete capitati nel posto giusto.

‘Rest..In..Peace’