Home news Ecco il nostro portabandiera agli Oscar 2016 : “Non essere cattivo” di...

Ecco il nostro portabandiera agli Oscar 2016 : “Non essere cattivo” di Claudio Caligari

Anche l’Italia ha il suo portabandiera. E’ stato selezionato dalla commissione dell’Anica (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive) il film che rappresenterà il bel paese ai prossimi Oscar 2016, che si terranno il 28 Febbraio 2016 a Los Angeles, con la speranza di ottenere un posto nella cinquina finale relativa alla categoria “Miglior film straniero” . Si tratta del film “Non essere cattivo“, opera postuma del regista Claudio Caligari, scomparso lo scorso 26 Maggio.
E dire che la concorrenza era molto molto agguerrita: si perchè nella short list dei nove titoli in lizza, c’erano altre grandi pellicole come “Il giovane favoloso” di Mario Martone (con l’incredibile interpretazione di Elio Germano), uno dei tre film italiani in concorso all’ultimo Festival di Cannes, “Mia madre” di Nanni Moretti, “Latin Lover” di Comencini, “Nessuno si salva da solo” di Sergio Castellitto, “L’attesa” di Piero Messina, “Per amor vostro” di Giuseppe M. Gaudino (pellicola con la quale la Golino ha ottenuto la Coppa Volpi per la sua interpretazione all’ultima Biennale di Venezia), “Sangue del mio sangue” di Marco Bellocchio e “Vergine Giurata” di Laura Bispuri.
quest anno la giuria che ha scelto il film era composta da Nicola Borrelli, direttore generale cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dal compositore Nicola Piovani, dal regista Daniele Luchetti, dalle produttrici Tilde Corsi e Olivia Musini, dal distributore Andrea Occhipinti, da Stefano Rulli, presidente Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia e dai giornalisti Natalia Aspesi e Gianni Canova.

La pellicola di Caligari è stata presentata in anteprima alla 72ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia ed è stata distribuita nelle sale italiane dall’8 Settembre 2015. Nel cast del film, la cui realizzazione è stata resa possibile anche grazie all’aiuto di Valerio Mastrandrea, è presente anche Luca Marinelli (“Tutti i santi giorni”).

La strada per gli Oscar 2016, anche per il nostro cinema, è dunque iniziata; resta solo da augurarci un finale come quello, che nel 2014, vide trionfare Sorrentino con ” La Grande bellezza” . In bocca al lupo.

Articolo precedenteI bei tempi che furono: The thing (1982)
Articolo successivoUn ragazzo d’oro – di Pupi Avati (2014)
Il Biondo
Capo Redattore e Co-fondatore

Grande amante del cinema, e questo è scontato dirlo se sono qua :­) Appassionato da sempre del genere horror, di nicchia e non, e di film di vario genere con poca distribuzione, che molto spesso al contrario dei grandi blockbuster meriterebbero molto più spazio e considerazione; tutto ciò che proviene dalle multisale, nelle mie recensioni scordatevelo pure. Ma se amate quelle pellicole, italiane e non, che ogni anno riempono i festival di Berlino, Cannes, Venezia, Toronto, e dei festival minori, allora siete capitati nel posto giusto.

‘Rest..In..Peace’