Home Rubriche Oriente Dragon Ball Super – La storia finora

Dragon Ball Super – La storia finora

E oggi il nostro ESPERTONE SEGRETO ci parla di un’icona del passato, una costante su Italia 1 che neanche Una poltrona per due a natale… anche qui il Dr.Gabe non ha nulla a che fare!

L’ultimo arco “Universo 6” si è ormai concluso (mancano solo un paio di puntate “filler”) ed è ora di fare il punto della situazione sulla nuova serie dell’immortale saga di Dragonball.

Facciamo un ricapitolo per chi non è aggiornato sulla situazione.

Tutti abbiamo seguito le innumerevoli repliche date dalla Mediaset di Dragonball, tuttavia chi non è un appassionato della “cultura anime” può non sapere che il seguito della serie “Dragonball Z”, cioè “Dragonball GT” è considerato apocrifo, ovvero non è il seguito ufficiale voluto da Akira Toriyama, ma una serie nata solo in forma anime (perchè ricordiamecelo, Dragonball è prima di tutto un manga). Cancelliamo, quindi, ogni ricordo di questa serie: Goku bambino, Pan adolescente e il Super Sayan 4 e torniamo a quel piccolo cattivissimo esserino rosa: Majin Bu. La serie di DragonBall Z si conclude ufficialmente con la sua sconfitta grazie alla Genkidama (“Energia sferica” ndr) di Goku con l’energia raccolta dagli abitanti della Terra convinti da Mr. Satan. Negli ultimissimi episodi della serie si vede Goku che partecipa al classico torneo di arti marziali per incontrare Ub, la reincarnazione di Majin Bu, e andarsene con lui per allenarlo.

dragon ball super

Dragonball Super è quindi il seguito ufficiale ambientato un paio di anni dopo la vittoria su Majin Bu cattivo. La serie è composta da diversi archi narrativi (non si con precisione quanti) con assoluti protagonisti Goku e Vegeta. I primi due archi seguono le vicende narrate negli ultimi due film usciti al cinema: “La battaglia degli Dei” e “La resurrezione di F”, mentre poi proseguirà con degli eventi originali e totalmente nuovi. Per chi avesse già visto i 2 film, sono state fatte alcune piccole modifiche/correzioni e saranno spiegati alcuni dettagli tralasciati nelle pellicole. Se invece non li avete visti, gli eventi saranno ben ordinati e amalgamati in modo da formare una storyline unica (cosa che invece non è mai accaduta con i precedenti film).

Arco “Battaglia degli Dei”

La serie non poteva avere un inizio peggiore: puntate in cui non accade nulla, disegni orribili e animazioni pessime, tanto da far orripilare anche Toriyama in persona, oltre ai nostri occhi. Difatti dopo una decina di puntate la qualità si ristabilizza su degli standard accettabili. Tuttavia è la base per tutto ciò che seguirà poi. Faremo la conoscenza di Beers (Bills) il Dio della distruzione e della nuova modalità “Super Sayan God”.

Arco “Il ritorno di F”

Freezer ritorna più cattivo e più forte. Da qui in poi sarà un Goku-Vegeta show che relegherà definitivamente tutti gli altri personaggi secondari di DragonBall a comparse. L’arco riserva un paio di colpi di scena che meritano davvero di essere visti. Buona la caratterizzazione dei cattivi, e Freezer non delude.

dragon ball super 2
Freezer. Pesta Sayan dal 1990

Arco “Universo 6”

Il classico torneo di arti marziali in formato Galattico. Qui la serie tocca il suo picco (per ora) soprattutto nella battaglia finale. Sia i fan di Vegeta che quelli di Goku rimarranno più che soddisfatti dai loro combattimenti. Sinceramente avrei preferito che si desse più spazio anche agli altri combattenti del team ma non si può volere tutto.

Note dolenti: a parte il sopracitato calo di qualità nei disegni durante le prime puntate, metto come punto negativo il fatto che tutti i vecchi guerrieri Z vengano totalmente oscurati dai nuovi livelli raggiunti da Goku e Vegeta. Gohan non ha più lo stimolo a combattere, Piccolo è rimasto svariati ordini di grandezza indietro, Goten e Trunks vengono usati come spalla comica. Ma il personaggio che più mi ha sconvolto in questo sequel è Videl! Va bene che sta per diventare mamma (e non è stata mai tra i protagonisti nei combattimenti) ma dove è finita la ragazza forte e maschiaccio di un tempo?

Un’ulteriore considerazione da fare è che in sordina vengono inseriti nuovi personaggi al cast e tra le comparse, annovero senza spoiler importanti, la sorella di Bulma! Cioè, aspetta, Bulma ha una sorella e non si è mai vista in centinaia di puntate indietro? Molto probabilmente, le nuove new entry serviranno per agganciarci eventuali eventi futuri.

In definitiva, Dragon Ball Super è sicuramente da vedere se avete nostalgia di questa serie. Tuttavia dovrete pazientare più di qualche puntata per arrivare al sodo, ma non resterete sicuramente delusi.

Chiudo dopo avervi riportato la notizia che nel prossimo arco tornerà il personaggio caratterialmente più riuscito (e il mio preferito) di tutto DragonBall: Trunks del futuro.

PS: per chi ha voglia di rivedersi DragonBall Z è uscita dal 2009 al 2013, un remake senza filler: DragonBall Kai. In 159 puntate (meno della metà della serie originale) viene ripercorsa tutta la serie unendo scene originali con animazioni nuove, assieme a scene vecchie rimasterizzate. Ripasso obbligatorio!

Articolo precedenteNuovissimo trailer italiano di ‘Io prima di te’
Articolo successivoHugmented – Distopia Pt. 1
Dr.Gabe
Direttore e Fondatore

Il lavoro e la vecchiaia incombono, ma da quando ho memoria mi spacco di film di fantascienza, dove viaggio di testa fino a perdermi, e salto in piedi sul divano per dei tizi che si menano o sparano alla gente come fossero birilli. Addolorato dalla piaga del PG­13, non ho più i nervi per gli horror: quelli li lascio al collega, io sono il vostro uomo per scifi, azione e film di pistolotti metacinema/mental/cose di finali tripli.