Home Rubriche Outsider Denis Villeneuve e il caos di “Enemy”

Denis Villeneuve e il caos di “Enemy”

Fascino e inquietudine in Enemy, un film in cui ordine e disordine sono solo due facce della stessa medaglia

Villeneuve è un nome famoso, sia tra gli esperti del settore sia tra i cinefili. Stiamo parlando infatti del regista dell’atteso Blade Runner 2049 (2017), che come tutti i remake fa parlare di sé ancora prima dell’uscita in sala, e dell’acclamato Arrival (2016). Quest’ultimo è un film di fantascienza notevole, che riesce ad evitare le banalità legate a un tema, quello dell’incontro umano-extraterrestre, ormai già  visto e rivisto sul grande schermo.

Ci concentriamo qui su Enemy, film del 2013 diretto da Villeneuve e tratto da un libro di José Saramago, L’uomo duplicato. Il protagonista, Adam, è un professore di storia, le cui spiegazioni tendono sempre a ripetersi, così come – afferma l’insegnante stesso – anche la Storia fa.

Controllo. È tutta questione di controllo. Ogni dittatura ha un’ossessione, tutto qui. […] Riducono l’istruzione, limitano la cultura, censurano l’informazione. Censurano ogni mezzo che l’individuo usa per esprimersi. È importante ricordare questo, si tratta di un piano, che si ripete in qualsiasi momento storico.

Adam (Jake Gyllenhaal) mentre tiene la lezione di Storia

La vita di Adam è banale e monotona. La madre si preoccupa per lui perché non capisce come possa vivere così e la relazione con la fidanzata non sembra essere poi molto solida né soddisfacente. La situazione cambia quando Adam, su consiglio di un collega, decide di vedere un film in DVD. Da qui, la rivelazione: viene a sapere che esiste un altro uomo uguale (sarà del tutto identico?) a lui. Si tratta di Anthony, un attore che in seguito si scoprirà essere sposato con una donna in gravidanza.

Il colore seppia che caratterizza il film per la sua intera durata e la musica dai toni bassi e vibrati, costantemente presente, ci fanno entrare subito nel clima della pellicola. Il regista sembra volerci dire che esistono delle idee fisse pronte a controllare i nostri pensieri e le nostre azioni.

Durante il film ritornano più e più volte, con ossessione direi, alcuni temi. Uno di questi consiste nell’apparizione di ragni, sempre legati alle figure femminili, le quali di fatto tessono le fila della sceneggiatura. Il professore e l’attore decidono infatti di scambiarsi tra loro le rispettive fidanzata e moglie, finendo per far ruotare la loro vita solo attorno alle due donne. Queste sono sì oggetto di sesso e piacere, ma anche consapevoli di poter gestire le emozioni degli uomini. Le donne indirizzano e determinano le vite di Adam e Anthony lungo tutto il film, fino all’epilogo vero e proprio.

Una bellissima scena del film in cui la moglie di Anthony non viene riconosciuta da quello che crede essere il proprio marito

Evitiamo spoiler sul finale, che è assolutamente da vedere perché non chiarisce le dinamiche del film, ma lascia aperto un ulteriore spazio di riflessione. Aggiungiamo invece che molte sono state le interpretazioni date alla sceneggiatura. Una di queste vede Adam e Anthony come la stessa persona. In questo caso si tratterebbe di uno sdoppiamento di personalità: i sensi di colpa per aver tradito la moglie e la conseguente necessità di “uccidere” la propria parte infedele per tornare ai doveri coniugali e di padre avrebbero dato vita al proprio doppio.

Un film tutto dal punto di vista del subconscio, insomma, davvero imperdibile se amate i thriller psicologici. Ci troviamo di fronte a una sceneggiatura impareggiabile, cui si aggiunge una regia pulita e sapientemente indirizzata.

Terminata la visione, rimarrete con più domande rispetto a quando avete iniziato. In particolare, sorge spontaneo chiedersi chi sia quel nemico che compare nel titolo. Le ossessioni possono essere considerate tali? E se anche oggi fossimo in una sorta di nuova e inconsapevole dittatura? Oppure, quando decidiamo di seguire i nostri istinti, siamo noi i nostri stessi nemici?

Come dicono i titoli di testa: Il caos è un ordine non ancora decifrato. Sta a noi trovarne la chiave di lettura.

Enemy è distribuito in Italia da 102 Distribution

Articolo precedenteIl pericoloso gioco delle maschere: The Face of Another
Articolo successivoLeatherface – La Recensione
CinEmy
Quando avevo sei anni e la maestra mi fece la classica domanda: "E tu, da grande, cosa vuoi fare?", la mia risposta fu, con tutto l'entusiasmo che avevo in me, "cinema, ovviamente!". Due minuti dopo scoprii, con mia grande delusione, che "cinema" non veniva considerato dagli adulti qualcosa che io potessi fare. E nemmeno un hobby troppo serio, a dirla tutta. Proprio per dimostrare il contrario (o forse per confortare la tesi della non serietà?) oggi sono qui, a scrivere per JAMovie. Che film prediligo? Non disdegno nulla, ma in particolare sono quella che scrive di film sconosciuti a tutti, a volte persino ai registi stessi, che pensavano di aver girato una pubblicità di biscotti e invece io ritrovo nel loro lavoro una riflessione sull'unità familiare nel meraviglioso momento del risveglio del XXI secolo. Le pubblicità, però, le lascio volentieri a qualcun altro. Qui mi occupo di film outsider, recensioni e approfondimenti. Tutti per voi!