Home recensioni azione Creed – Nato per combattere

Creed – Nato per combattere

Non so se Creed vuole essere un rilancio o spin-off della più famosa saga cinematografica dedicata alla nobile arte, ma la lotta del figlio di Apollo contro gli avversari sul ring e i fantasmi del proprio passato convince ed emoziona, avendo una propria dignità come film di boxe stand-alone (e convincente nell’esecuzione, soprattutto il primo dei combattimenti principali).

Non bastasse questo, non fosse sufficiente un Michael B. Jordan credibile tanto con i guantoni quanto nel dipingere un uomo alla ricerca della propria identità, sotto l’enorme ombra di un padre leggendario che non ha potuto conoscere, Creed ci regala una delle interpretazioni migliori di Sly.

Pur se relegato a spalla, Rocky/Sly è a dir poco intenso: gli anni sono passati ed è fisiologico trovarlo nei panni che furono di Paulie.

creed - 2
L’occhio della tigre

Nonostante questo, Rocky ha ancora qualcosa da dire (e da dare) a un giovane turbolento come Adonis; ma non è una relazione univoca, anche ‘Zio’ Balboa dovrà imparare a combattere, contro un nemico non meno temibile dei suoi avversari boxer.

Vedere Sly invecchiare è un pò rendersi conto anche noi che gli anni passano; ma l’occhio della tigre c’è ancora, è nella parole sagge, nello sguardo stanco ma fiero, è in quella scalinata che resta sempre una sfida, pur diversa.

Creed è il degno erede di Rocky

In fondo, la storia di Adonis, che cerca fieramente il proprio percorso senza aggrapparsi all’eredità del suo importante cognome è un po la stessa di questo film, che abbandona lo storico Rocky, ma mantendone il DNA.

 

 

 

VOTI FINALI
voto
Articolo precedenteThe Story of Film: An Odissey – di Mark Cousins (2011)
Articolo successivoThe Woman – di Lucky McKee (2011)
Dr.Gabe
Direttore e Fondatore

Il lavoro e la vecchiaia incombono, ma da quando ho memoria mi spacco di film di fantascienza, dove viaggio di testa fino a perdermi, e salto in piedi sul divano per dei tizi che si menano o sparano alla gente come fossero birilli. Addolorato dalla piaga del PG­13, non ho più i nervi per gli horror: quelli li lascio al collega, io sono il vostro uomo per scifi, azione e film di pistolotti metacinema/mental/cose di finali tripli.