E’ terminata questa sera con la Cerimonia di Premiazione la 69a edizione del Festival Di Cannes.
A trionfare con la Palma D’oro è stato il film I, Daniel Blake di Ken Loach. 

Il secondo premio più importante della manifestazione, il Grand Prix è andato al canadese Xavier Dolan, con il film “Juste la fin du monde“.
Per il regista ventisettenne si tratta del secondo Grand Prix della Giuria, vinto già nel 2014 con lo straordinario film “Mommy“.

Il Prix de la mise en scéne andato al miglior regista è stato assegnato ex aequo ai registi Olivier Assays e al rumeno Cristian Mungiu rispettivamente per i film “Personal Shopper” e “Bacalaureat“.
L’italiana Valeria Golino, una dei membri della Giuria, ha consegnato invece il premio per la miglior sceneggiatura ad Asghar Farhadi per “Forushande” (The Salesman).
I premi alle migliori interpretazioni maschile e femminile se li sono giudicati rispettivamente l’iraniano Shahab Hosseini (“Forushande”) e la filippina Jaclyn Jose per il film “Ma’ Rosa” del regista Brillante Mendoza.
La Caméra d’Or per la miglior opera prima è andata alla franco- marocchina Houda Benyamina per il film “Divines“.

Il premio come miglior cortometraggio se l’ha invece aggiudicato lo spagnolo Juanjo Giménez con “Timecode“.
Il Miglior cortometraggio – Premio speciale della giuria se lo aggiudica A Moça Que Dançou com o Diabo di Joao Paulo Miranda Maria.

Infine la Palma d’onore va a Jean-Pierre Léaud.

Nessun film italiano ha ricevuto premi nelle sezioni in cui era in concorso.

Per ammirare le foto dei vincitori vi rimandiamo alla pagina FB del Festival di Cannes.

Articolo precedenteDunkirk: le ambientazioni nelle prime foto dal set
Articolo successivoFuori la terza: Il trailer italiano de La notte del giudizio – Election Year
Il Biondo
Capo Redattore e Co-fondatore

Grande amante del cinema, e questo è scontato dirlo se sono qua :­) Appassionato da sempre del genere horror, di nicchia e non, e di film di vario genere con poca distribuzione, che molto spesso al contrario dei grandi blockbuster meriterebbero molto più spazio e considerazione; tutto ciò che proviene dalle multisale, nelle mie recensioni scordatevelo pure. Ma se amate quelle pellicole, italiane e non, che ogni anno riempono i festival di Berlino, Cannes, Venezia, Toronto, e dei festival minori, allora siete capitati nel posto giusto.

‘Rest..In..Peace’